Ti trovi in:  Home

 

 

  

 

ARTICOLI RECENTI

 

Il tempo di Signorini e De Nittis

Il nuovo appuntamento viareggino della Fondazione Centro Matteucci per l'Arte Moderna (dal 2 luglio 2016 al 26 febbraio 2017) è molto di più di una pur emozionante carrellata di capolavori di De Nittis, Zandomeneghi e Boldini affiancati a opere non meno superbe di Signorini, Lega e degli altri protagonisti del momento macchiaiolo.

Il tempo di Signorini e De Nittis

 

il tempo di signorini

 


E' il racconto per immagini – e che immagini – di una "singolar tenzone", mai ufficialmente dichiarata eppure vissuta con passione, tra due fini intellettuali e grandi esperti d'arte nella Milano di via Manzoni, all'indomani del secondo conflitto mondiale.


I due, Enrico Piceni (1901 – 1986) e Mario Borgiotti (1906 – 1977), avevano abitazioni e collezioni a pochi passi di distanza. Entrambi frequentavano il bel mondo della cultura del tempo.
Il primo, Piceni, si occupava della Medusa e dei Gialli per Arnoldo Mondadori, era traduttore di Dickens e della Brönte, amico di Montale e di Vergani. E soprattutto appassionato estimatore degli "Italiani di Parigi", ovvero Giuseppe De Nittis, Federico Zandomeneghi e Giovanni Boldini. Di loro cercava, e sapeva conquistarsi, opere di qualità sublime.
Il secondo, livornese di nascita e di spirito, giunse a Milano dopo essersi "formato" alle Giubbe Rosse di Firenze, amico di Papini, Cecchi e Soffici. Musicista e violinista. Ma sopratutto innamorato dei "suoi" macchiaioli. Che naturalmente cercava, anche lui dopo una selezione quasi maniacale, di condurre nella sua collezione.


Giuliano Matteucci, grazie alla collaborazione con la Fondazione Enrico Piceni e del Comune di Viareggio e grazie soprattutto al suo personale prestigio internazionale, è riuscito a proporre al pubblico, insieme, le collezioni personali dei due protagonisti, la prima confluita nel patrimonio della Fondazione Piceni, la seconda tutt'ora nella disponibilità della famiglia Borgiotti. L'occasione è di quelle da non perdere. Per la suggestione del confronto culturale, innanzitutto. E poi perché molte delle opere che saranno in mostra al Centro Matteucci sono rimaste "private" da decenni, invisibili e non concesse a nessuna mostra e museo. Giuliano Matteucci inoltre affianca ai capolavori delle due collezioni milanesi un ristretto, essenziale, nucleo di altre opere di confronto, anch'essa scelte tra i vertici sia dell'Ecole Italienne che dei Macchiaioli.


Proprio in relazione alla eccezionalità di questa mostra, degna di un grande museo internazionale, il periodo espositivo sarà particolarmente "importante". Non solo la tradizionale stagione dell'estate viareggina ma l'autunno e poi il primo inverno, sino al 26 febbraio del 2017, perché questa mostra è molto di più che una "occasione estiva".
Il titolo di questa affascinante esposizione - "Il tempo di Signorini e De Nittis. L'Ottocento aperto al Mondo nelle Collezioni Borgiotti e Piceni" - è una citazione ed un omaggio a Diego Martelli che sognava già nell'Ottocento una raccolta di arte italiana di respiro internazionale. Quel sogno, fatto proprio da Giuliano Matteucci, si è tradotto, qui, in palpitante realtà.
Mostra in collaborazione con Fondazione Enrico Piceni e Comune di Viareggio

 

Progetto di Giuliano Matteucci
Catalogo a cura di Claudia Fulgheri, Camilla Testi

Con il Patrocinio del Ministero dei Beni Culturali
Rappresentanza in Italia della Commissione Europea
Provincia di Lucca

info: 0584 430614
www.centromatteucciartemoderna.it

Periodo di apertura della mostra: 2 luglio 2016 - 26 febbraio 2017
Gli orari della mostra variano a seconda delle stagioni:
2 luglio-11 settembre
dal martedì al venerdì: 17-23
sabato e domenica: 10-13 / 17-23

13 settembre-1 novembre
da martedì al venerdì: 15.30-19.30
sabato e domenica: 10-13 / 15.30-19.30
chiuso lunedì

2 novembre -26 febbraio 2017
venerdì: 15.30-19.30
sabato e domenica: 10-13 / 15.30-19.30

ridotto under 26: 5 euro
intero: 8 euro

Ufficio Stampa: Studio ESSECI, Sergio Campagnolo
tel. +39 049.663499 gestione3@studioesseci.net (Roberta Barbaro)

 

 

Ultimi aggiornamenti:

18.01.2018

Concerto dei Dirotta Su Cuba al Teatro Splendor di Aosta

Chi non li ricorda o non conosce un loro pezzo. Negli anni Novanta la musica funky in Italia, improvvisamente, esplose con i Dirotta su Cuba. Brani come Gelosia, Liberi di liberi da, cantati dalla splendida voce di Simona Bencini, ebbero un successo enorme, durato fino al nuovo millennio.

Leggi tutto »

18.01.2018

Otto Frank, father of Anne di David de Jongh

In ricorrenza del Giorno della Memoria, sarà proiettato il film di David de Jongh dal titolo: 'Otto Frank, padre di Anna”. (Paesi Bassi, 2010, 75')

Leggi tutto »

17.01.2018

Trecentosessantacinque d’arte. Pino Pocopio

Venerdì 19 Gennaio alle ore 18:30 sarà inaugurata, all’interno dello spazio espositivo Tacconi Art Space delle Grafiche Tacconi di Ascoli Piceno, in collaborazione con L’Idioma Centro d’Arte, la mostra di Pino Procopio Trecentosessantacinqu e d’arte, a cura di Giuseppe Bacci.

Leggi tutto »

17.01.2018

Wildlife Photographer of the Year Forte di Bard.

Sarà il Forte di Bard, dal 16 febbraio al 10 giugno 2018, a presentare l'anteprima italiana della 53esima edizione del Wildlife Photographer of the Year, il più importante riconoscimento dedicato alla fotografia naturalistica promosso dal Natural History Museum di Londra. La spettacolare roccaforte all'ingresso della Valle d'Aosta ospita per il nono anno consecutivo, la prima tappa del tour italiano della mostra che ogni anno premia gli scatti più belli del mondo animale e vegetale.

Leggi tutto »

17.01.2018

Contrasti 2 Marco Fattori - Giuliano Cotellessa Dal 20 al 26 gennaio 2018

RespirArt è lieta di presentare la seconda edizione di Contrasti, bipersonale di due artisti abruzzesi a confronto: Marco Fattori e Giuliano Cotellessa, a cura di Berardo Montebello. L'inaugurazione si terrà sabato 20 gennaio alle ore 18.00 a Giulianova in Corso Garibaldi 30, con l'intervento del Professor Sandro Melarangelo. Seguirà l’esibizione del jazzista britannico internazionale Geoff Warren sulle composizioni del Professor Stefano Taglietti.

Leggi tutto »

15.01.2018

Luci del Nord. IMPRESSIONISMO IN NORMANDIA

L'Impressionismo ha lasciato una traccia profonda nella storia dell'arte muovendo i suoi passi in Francia a partire dalla seconda metà dell'Ottocento, e proprio da questi inizi prende movimento la mostra evento "Luci del Nord. IMPRESSIONISMO IN NORMANDIA", dal 3 febbraio al 17 giugno al Forte di Bard.

Leggi tutto »

15.01.2018

StArt_ Studi per l'Arte: terza fase

Dong Jinnge, Alice Faloretti, Adelisa Selimbasic, Caterina Casellato, Niccolò Masiero Sgrinzatto, Giovanna Bonenti, Cristiano Vettore, Gianni D'Urso, Beatrice Gelmetti, Chiara Principe sono i giovani finalisti selezionati a dicembre.

Leggi tutto »

13.01.2018

I presepi artistici del Trentino Alto Adige messaggeri di pace

23 opere d'arte, realizzate dagli artigiani scultori del Trentino Alto Adige dall'1 gennaio sono esposte per la prima volta al pubblico a Mosca, nella Cattedrale ortodossa di Cristo Salvatore, dove si potranno ammirare fino al prossimo 28 febbraio.

Leggi tutto »