Ti trovi in:  Inizio > Mostre – Il sogno della classicità di Giovanni Battista Piranesi

 

MOSTRE

 

Il sogno della classicità di Giovanni Battista Piranesi

Dopo la mostra “Rinascimento segreto” di Sgarbi e la personale di Nicola Samorì al Centro Arti Visive Pescheria, che giocava sulla persistenza del linguaggio classico nell’arte contemporanea, il progetto espositivo prosegue la riflessione a tutto tondo sulle rinascenze artistiche e i loro effetti nelle varie epoche, filo rosso della programmazione di quest’anno a Pesaro Musei.

PESARO MUSEI

giambattsta piranesi

8 dicembre 2017 – 8 aprile 2018
GIAMBATTISTA PIRANESI Il sogno della classicità
Palazzo Mosca-Musei Civici, Pesaro
Promossa da Comune di Pesaro/Assessorato alla Bellezza
Organizzata da Sistema Museo
Con il contributo di The Art Company
In collaborazione con Fondazione Giorgio Cini Venezia e Factum Arte Madrid
Inaugurazione Giovedì 7 dicembre h 18 > ingresso libero

Giovedì 7 dicembre alle 18, inaugura a Palazzo Mosca-Musei Civici di Pesaro una nuova e suggestiva mostra dedicata a Giovanni Battista Piranesi detto anche Giambattista (Mogliano Veneto 1720 – Roma 1778) noto incisore, architetto e teorico dell'architettura.

Visitabile fino all’8 aprile 2018, l’esposizione “GIAMBATTISTA PIRANESI Il sogno della classicità”, è promossa dal Comune di Pesaro/Assessorato alla Bellezza e organizzata da Sistema Museo, con il contributo di The Art Company e in collaborazione con Fondazione Giorgio Cini di Venezia e Factum Arte di Madrid.

Circa 70 opere grafiche da tre celebri serie di incisioni dedicate alle carceri, alle vedute e alle antichità di Roma, rivelano il sogno neoclassico dell’artista affascinato dalla grandezza del passato antico, tra magnificenza e sentimento del sublime. 

Il sogno torna a rivivere e a riverberare nel Palazzo, già dimora della nobile famiglia Mosca, dove fu ospitato Napoleone Bonaparte che del neoclassicismo aveva fatto una visione politica funzionale alla costruzione del suo Impero.

La mostra prende ispirazione proprio dalla visita del generale Bonaparte, il 6 e 7 febbraio 1797, quando fu ospitato da Francesco Mosca, allora esponente del governo della Repubblica Cisalpina di Milano e protagonista della cultura illuminista pesarese. Si deve a Francesco l’ammodernamento dell’edificio seicentesco, affidato all’architetto Luigi Baldelli, e in virtù dei legami politici e culturali della famiglia, il palazzo diviene un vivace cenacolo di intellettuali ed aristocratici.

L’originale allestimento crea un dialogo emozionale tra le incisioni di Piranesi e diverse opere delle civiche raccolte: sculture, ceramiche, modelli architettonici, arredi, il cui nucleo principale è costituito dal lascito ottocentesco della marchesa Vittoria Mosca. Manufatti databili tra Sette e Ottocento, prodotti sulla scia del vasto fenomeno di riscoperta ed interpretazione dell'antico.

Entrando nella sala del Bellini è Napoleone a dare il benvenuto. Il percorso inizia dal busto in marmo bianco che lo ritrae, tratto da un modello di Antoine-Denis Chaudet a inizio Ottocento e parte della collezione Hercolani-Rossini.  Un ritratto di Stato nato per diffondere l’immagine ufficiale dell’Imperatore riconoscibile ma idealizzato secondo i canoni del bello e circondato da un´aura di quieta grandezza.

Si entra nel vivo con la celebre e suggestiva serie piranesiana dedicata alle “Carceri” (1761-70) nelle quali viene rivoluzionata la canonica rappresentazione della prigione. Tavole raffiguranti non gabbie di ferro o celle chiuse da sbarre ma ambienti fortemente drammatici, frutto di originale fantasia unita ad una attenta conoscenza architettonica. Sono ardite visioni modellate su solide nozioni di prospettiva e costruzioni tridimensionali. Sale infinite, volte distanti, spazi immensi e tuttavia claustrofobici, in cui la ripetizione di varchi, spazi e scalini, l'intrico dei volumi, il labirinto, richiamano una prigione psicologica più che fisica. Motivo per cui le Carceri di Piranesi hanno influenzato artisti romantici, surrealisti, fino ai contemporanei, a partire da Escher. 

Sala per sala, si svela la variegata attività del grande artista veneto appassionato in particolar modo delle maestose rovine di Roma. La serie delle “Vedute di Roma” (1740-60) e delle “Antichità romane” (1757) esprimono al meglio la sua poetica e rendono note le bellezze e il fascino imperituro della città.

“Quando mi accorsi che a Roma la maggior parte dei monumenti antichi giacevano abbandonati nei campi o nei giardini, oppure servivano da cava per nuove costruzioni, decisi di preservarne il ricordo con le mie incisioni. Ho dunque cercato di mettervi la più grande esattezza possibile”. Parole di Piranesi che oltre a documentare l’Urbe dell’epoca, nelle sue opere riassume quell’intreccio magico in grado di avviluppare, in un unico immenso “capriccio”, archeologia, mito, invenzione e storia del suo tempo.

Due preziosi stipi provenienti dalla collezione Mosca, decorati da dodici tempere su pergamena riproducenti vedute di Roma con chiese e antichità, testimoniano la moda, già diffusa nella seconda metà del Seicento, di inserire scorci della capitale pontificia sul fronte di studioli e cassetti.

Di particolare rilievo è altresì una selezione dal ricco e raffinato servizio di porcellana francese di manifattura Darte Frères (originariamente circa 190 pezzi), donato da Napoleone alla famiglia Mosca in occasione della sua visita, come riconoscenza nei confronti del marchese Francesco.

Il percorso si conclude con un coinvolgente video che propone ‘ricreazioni’ 3D delle “Carceri” piranesiane realizzato da Gregoire Dupont dell'Atelier Factum Arte di Madrid, tramite procedimento stereolitografico. Il video è stato eccezionalmente concesso in prestito dalla Fondazione Giorgio Cini di Venezia, proprietaria dell'edizione Piranesi Fréres delle incisioni, da cui è stato tratto. TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

8 dicembre 2017 – 8 aprile 2018
GIAMBATTISTA PIRANESI Il sogno della classicità
Palazzo Mosca-Musei Civici, Piazza Mosca - Pesaro
Inaugurazione Giovedì 7 dicembre h 18 > ingresso libero

Orari
Da martedì a giovedì h 10-13; Venerdì, sabato domenica e festivi h 10-13 / 15.30-18.30
Dal 15 dicembre 2017 al 7 gennaio 2018 da martedì a domenica h 10-13 / 15.30-18.30
Chiuso 25 dicembre e 1 gennaio / La biglietteria chiude mezz’ora prima

Biglietto unico Pesaro Musei
Intero € 10
Ridotto € 8 (Gruppi min. 15 persone, da 19 a 25 anni, possessori di tessera FAI, TOURING CLUB ITALIANO, COOP Alleanza 3.0 e precedenti Adriatica, Nordest, Estense)
Libero (fino a 18 anni, soci ICOM, i giornalisti muniti di regolare tesserino, i disabili e la persona che li accompagna, possessori di Carta Famiglia del Comune di Pesaro)
Il biglietto consente la visita anche a Casa Rossini e Domus di Via dell’Abbondanza

Visite Guidate
Visite individuali ogni sabato h 17 € 4
Gruppi € 90 (fino a 25 persone), In lingua € 110, Scuole € 60 
Tariffe personalizzate per visite mostra + museo + città

Informazioni e prenotazioni 
T 0721 387 541 / pesaro@sistemamuseo.it / www.pesaromusei.it

UFFICIO STAMPA Alessandra Zanchi M 328 2128748 / press.zanchi@gmail.com

 

 

 

 

 

 

 

Ultimi aggiornamenti:

05.12.2018

Ercole e il suo mito a Torino

Ercole e il suo mito a Torino

REGGIA DI VENARIA (TORINO) DAL 13 SETTEMBRE 2018 AL 10 MARZO 2019 LA MOSTRA ERCOLE E IL SUO MITO

L’esposizione illustra la figura dell’eroe mitologico, attraverso un’articolata selezione di oltre 70 opere, tra ritrovamenti archeologici, gioielli, opere d’arte applicata, dipinti e sculture e molto altro, dall’antichità classica al Novecento.

Leggi tutto »

05.12.2018

Al Festival della Famiglia la mostra d'arte Le Voci di Bacco

Al Festival della Famiglia la mostra d'arte "Le Voci di Bacco"

L'inaugurazione ad Isera mercoledì 5 dicembre alle 18.30 

Al Festival della Famiglia la mostra d'arte "Le Voci di Bacco"
"Le Voci di Bacco" non è una mostra d'arte ma una mostra d'artisti. All'interno degli spazi espositivi infatti Sergio Dangelo e "Lome" - Lorenzo Menguzzato, saranno presenti a Palazzo de Probizer e Casa del Vino di Isera, in un atelier creato appositamente per l'occasione, dove lavoreranno insieme e incontreranno il pubblico.

Leggi tutto »

05.12.2018

61esima Mostra di World Press Photo

World Press Photo 2018 forte di Bard

Dal 7 dicembre al 6 gennaio, il Forte di Bard accoglie l’edizione n. 61 del World Press Photo.
Un appuntamento, quello tra il Forte e il prestigioso concorso internazionale di fotogiornalismo, che è tra gli eventi più attesi nella pur ampia programmazione espositiva del Forte valdostano. Una occasione unica, per vivere attraverso gli occhi dei più grandi fotoreporter di oggi e i loro scatti più sensazionali, la cronaca che si fa storia del nostro tempo.

Leggi tutto »

05.12.2018

Ugo Lucio Borga. Collateral damages ad Aosta

Ugo Lucio Borga. Collateral damages ad Aosta

Visite guidate alla mostra Ugo Lucio Borga. Collateral damages

L’Assessorato dell’Istruzione e Cultura comunica che, in occasione dell’esposizione fotografica Ugo Lucio Borga. Collateral damages, in corso al Museo Archeologico Regionale di Aosta, verranno proposte al pubblico alcune visite guidate, tenute dall’autore delle immagini in mostra.

Leggi tutto »

01.12.2018

Tour Music Fest – The European Music Contest 2018

Tour Music Fest – The European Music Contest

La nuova musica europea a Roma con Tour Music Fest – The European Music Contest il più grande concorso europeo per artisti emergenti ha registrato il sold out e premiato i talenti del 2018
con MOGOL, Bonnie Hayes autrice di Cher e Billy Idol, Berklee College of Music di Boston, SONY, Universal, DJ Provenzano, Don Cash e tanti ospiti

Leggi tutto »

19.11.2018

Principesse e Sfumature - Chiara Becchimanzi

Principesse e Sfumature - Chiara Becchimanzi

A tre anni dal debutto, Principesse e Sfumature di Valdrada Teatro continua a girare i teatri d'Italia nel segno del divertimento e dell'impegno, operando un percorso di sensibilizzazione che vede Chiara Becchimanzi, giovane talento under 35 di Latina, in tournee lungo lo stivale.

Leggi tutto »

19.11.2018

Marché Vert Noël 2018

marche vert noel

Attorno al Teatro romano l’atmosfera del Natale aostano. Dal 24 novembre ritorna il Marché Vert Noël

L’atmosfera del Natale si riappropria del sito archeologico del Teatro romano e torna la magia del Marché Vert Noël. Da sabato 24 novembre 2018 e fino al 6 gennaio 2019, nel cuore della città di Aosta, turisti e residenti potranno scoprire il villaggio alpino che ospita l’offerta del Natale aostano

Leggi tutto »

19.11.2018

REALITY 80 il decennio degli effetti speciali

1982 Bagnante -foto di Occhiomagico per Domus

20 Dicembre 2018 - 23 Febbraio 2019

Milano, Galleria Gruppo Credito Valtellinese – Refettorio delle Stelline

REALITY 80 Il “decennio degli effetti speciali”
Mostra a cura di Cristina Quadrio Curzio e Leo Guerra con la consulenza scientifica di Valentino Catricalà e Mario Piazza

Leggi tutto »

19.11.2018

Canone infinito di Lorenzo Senni

Lorenzo Senni Original

BERGAMO, OSPEDALE PAPA GIOVANNI XXIII. DAL 20 NOVEMBRE 2018 CANONE INFINITO, L’INSTALLAZIONE SONORA DI LORENZO SENNI

L’installazione site-specific dell’artista, musicista e compositore rimarrà in permanenza nei corridoi adiacenti le sale di Terapia Intensiva dell’ospedale bergamasco.

L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra l’Ospedale Papa Giovanni XXIII e The Blank Contemporary Art, con l’intento di offrire i più efficaci e innovativi strumenti e servizi in ambito sanitario e culturale.

Leggi tutto »

18.11.2018

Di domenica: le opere non viste al Castello Gamba

castello gamba sede espositiva

Di domenica: le opere non viste…tra le novembre e dicembre le visite ai depositi del Gamba

L’Assessorato dell’ Istruzione e Cultura informa che, al Castello Gamba di Châtillon, l’elegante dimora che raccoglie la collezione di arte moderna e contemporanea della Regione autonoma Valle d’Aosta, sono previste alcune visite straordinarie accompagnate ai depositi di conservazione delle opere, che si terranno l’ultima domenica dei mesi di novembre e dicembre 2018 e di gennaio 2019.

Leggi tutto »

31.10.2018

La Biennale d’Arte Contemporanea al Forte Malatesta di Ascoli Piceno

Premio Marche 2018

Premio Marche 2018 - Biennale d'Arte Contemporanea (dopo venti anni riapre il prestigioso Premio Marche). 
L'A.M.I.A, Associazione Marchigiana Iniziative Artistiche, Ente titolare ed organizzatore del Premio Marche, in collaborazione con la Regione Marche e Comune di Ascoli Piceno è lieta di annunciare, a venti anni dall’ultima edizione, la definitiva ripresa della celebre manifestazione espositiva che, fin dagli anni Cinquanta (1956), si è caratterizzata come una delle più significative nel territorio della Regione Marche e di valenza nazionale.

Leggi tutto »

28.10.2018

Eva Jospin, Sous-bois a Palazzo dei Diamanti

EVA JOSPIN

Un'interprete della scena artistica francese, Eva Jospin, è protagonista del secondo appuntamento della rassegna d'arte contemporanea Offside. Sous-bois è il titolo della mostra, aperta a Palazzo dei Diamanti dal 17 novembre 2018 al 6 gennaio 2019, in contemporanea con l'esposizione Courbet e la natura.

Leggi tutto »