Ti trovi in:  Inizio > Cultura – L'elica e la luce. Le futuriste. 1912_1944 al Man di Nuoro

 

L'elica e la luce. Le futuriste. 1912_1944 al Man di Nuoro

Dopo i progetti sull'espressionismo tedesco e le coppie dell'avanguardia russa, il MAN è lieto di presentare "L'elica e la luce. Le futuriste. 1912_1944", una mostra dedicata al futurismo e le donne. Si completa in questo modo la trilogia dal taglio inedito, realizzata con la direzione artistica di Lorenzo Giusti e focalizzata sui movimenti dell'avanguardia storica.

Mostra a cura di Chiara Gatti e Raffaella Resch

Al MAN di Nuoro arrivano le Futuriste

La presenza delle donne nell'arte del Novecento è stata messa in luce da diversi studi a partire dalla fine degli anni settanta: al di là dell'intenzione di scoprire un genere, uno specifico femminile in arte, sono state compiute ricognizioni storico-critiche che hanno portato o riportato in luce personalità eccezionali, opere di alto valore, esistenze dalle trame complesse, di cui prima si ignoravano addirittura le date di nascita o morte, e ci hanno restituito un panorama dell'arte delle donne nelle avanguardie, fino a quel momento rimasto in secondo piano.
Un caso ancora aperto e controverso è il ruolo delle donne nel futurismo, movimento programmaticamente misogino, che fin dalla sua fondazione proclamava il disprezzo della donna e costruiva una visione dell'arte totalizzante su valori quali la forza, la velocità, la guerra, da cui il genere femminile doveva rimanere escluso ("Noi vogliamo glorificare la guerra - sola igiene del mondo - il militarismo, il patriottismo, il gesto distruttore dei libertari, le belle idee per cui si muore e il disprezzo della donna", Manifesto del futurismo, 1909). 

La mostra rintraccia - attraverso oltre 100 opere fra dipinti, sculture, carte, tessuti, maquette teatrali e oggetti d'arte applicata - l'operato di queste donne che hanno lavorato dagli anni dieci fino agli anni quaranta, firmando i manifesti teorici del futurismo, partecipando alle mostre, sperimentando innovazioni di stile e di materiali in ambiti trasversali quali le arti decorative, la scenografia, la fotografia e il cinema, ma anche la danza, la letteratura e il teatro. Figure indipendenti, artiste e intellettuali di primo piano nella ricerca estetica d'inizio secolo. 
Le vicende sono a volte spregiudicate (esemplare la biografia di Valentine de Saint-Point), spesso passate in sordina rispetto alle cronache, qualche volta inosservate dalla critica coeva, o assorbite dall'anonimato della vita famigliare (come accadde a Brunas) o cancellate delle guerre (Alma Fidora, la cui biblioteca e l'archivio di documenti sono andati distrutti sotto i bombardamenti). Spiccano artiste totali, non solo la più nota Benedetta, ma anche Marisa Mori, Adele Gloria e il gruppo di coloro che collaborano a "L'Italia futurista": i campi d'interesse sono vastissimi, dalla scrittura, alla pittura, all'illustrazione, alla ceramica, non esclusi gli studi di metapsichica e l'occultismo, verso cui anche il Manifesto della Scienza futurista mostra attenzione.

La mostra, che vanta prestiti in arrivo da collezioni pubbliche e private italiane, con opere anche poco conosciute, prende le mosse dal Manifeste de la Femme futuriste, pubblicato da Valentine de Saint-Point il 25 marzo 1912, in risposta alla Fondazione e Manifesto del Futurismo di Marinetti pubblicato a Parigi nel 1909 su "Le Figaro".
Il percorso individua i caratteri di una ricerca collettiva che - libera da stereotipi, cliché, luoghi comuni e banali dipendenze legate ai rapporti di parentela con i "maschi" del movimento - testimonia la profondità di una riflessione estetica condivisa dalle donne del gruppo, ricca di implicazioni peculiari. 
La selezione delle opere è accostata da un ampio apparato documentario, prime edizioni di testi, lettere autografe, fotografie d'epoca, manifesti originali, studi, bozzetti.

Ogni capitolo del percorso, che procede per macro-temi - il corpo e la danza, il volo e la velocità, il paesaggio e l'astrazione, le forme e le parole - documenta una vena particolare delle artiste futuriste, dedite ora alle arti applicate, al tessuto, ora all'uso del metallo e, in generale, a una sperimentazione polimaterica e multidisciplinare nel campo delle arti figurative, ma anche letterarie e coreutiche. 
La mostra racconta le affascinanti biografie di ciascuna di loro, che s'intrecciano con la vita artistica e culturale del periodo (i salotti, le maggiori mostre nazionali, le riviste, i teatri) ma si ambientano anche sullo sfondo di un paese, allo stesso tempo, eccitato dal progresso, ferito dal conflitto.

In catalogo saranno pubblicate le opere esposte con testi di Giancarlo Carpi, Enrico Crispolti, Chiara Gatti, Lorenzo Giusti, Raffaella Resch e una intervista a Lea Vergine, autrice della memorabile mostra curata nel 1980 per il Palazzo Reale di Milano, "L'altra meta` dell'avanguardia", dedicata alle artiste attive tra il 1910 e il 1940.

 


MAN_Museo d'Arte della Provincia di Nuoro
Via Sebastiano Satta, 27 | 08100 Nuoro
t.0784/252110 | f.0784/36243
info@museoman.it | www.museoman.it


Ufficio Stampa
Studio ESSECI di Sergio Campagnolo
tel. 049663499
Referente Simone Raddi: gestione2@studioesseci.net

 

 

Ultimi aggiornamenti:

22.02.2018

Contemporary Cluster #07

Contemporary Cluster #07, Dal 3 marzo al 1 maggio 2018

Le tendenze del contemporaneo nel cuore di Roma: per la prima volta in Italia il visionario street artist J. Demsky con Dark Polo Gang e poi le mutazioni di Erica Curci, tra genetica e moda le provocazioni “pornografiche” di Francesco Malcom

Leggi tutto »

22.02.2018

Il manoscritto 308: fra miniature, storia e restauri

Il manoscritto 308: fra miniature, storia e restauri
Riprendono gli "Incontri del giovedì in Archivio provinciale": il 22 febbraio alle 17, presso l'Archivio, a Trento in via Maestri del Lavoro n. 24, III piano, è in programma l'appuntamento "Il ms. 308 della Fondazione Biblioteca S. Bernardino: fra miniature, storia e restauri".

Leggi tutto »

19.02.2018

IL CASTELLO di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti

"Il castello" è un film che racconta l’aeroporto di Malpensa, un luogo in cui la burocrazia, le procedure e il controllo mettono a dura prova la libertà degli individui, degli animali e delle merci che da lì transitano.

Leggi tutto »

19.02.2018

Il ritorno delle Mummie a Rovigo

Le due mummie conservate all'Accademia dei Concordi saranno oggetto di un una complessa indagine scientifica prima di essere esposte, per un restauro condotto di fronte al visitatori, dal 13 aprile al primo luglio in una importante mostra in Palazzo Roncale. 

Leggi tutto »

19.02.2018

1945 Anno zero sul lago, romanzo di Franco Rizzi

Domenica, 5 novembre 1944, sul lago Iseo un battello fa la spola tra i vari paesini. Sono più o meno le dieci del mattino quando il battello lascia il pontile di Iseo.  A bordo si trovano adesso quarantaquattro persone tra passeggeri ed equipaggio.

Leggi tutto »

19.02.2018

Modenantiquaria, 32 anni da record!

Si conclude a ModenaFiere la XXXII edizione di Modenantiquaria, appuntamento annuale più importante in Italia per l'arte antica, imperdibile per gli appassionati. Obiettivo raggiunto: sono state coinvolte nuove fasce di pubblico ed è stato altissimo l'interesse dei visitatori, in linea con lo scorso anno ma più propensi all'acquisto

Leggi tutto »

19.02.2018

That's Life! - Questa è la vita Di Riccardo Rossi e Alberto  Di Risio. Con Riccardo Rossi

Un travolgente one-man-show costruito sul talento e l’(auto)ironia dell’artista, formatosi alla scuola di Gigi Proietti e con all’attivo un'intensa carriera fra teatro, cinema e televisione.

Leggi tutto »

15.02.2018

Autostima e soft skills: un salto oltre la comfort zone

Sarà presentato lunedì prossimo (19 febbraio) alle 16.30, nella biblioteca "Livio Paladin" del Consiglio regionale (ingresso da via Giustiniano a Trieste), il libro "Autostima e soft skills: un salto oltre la comfort zone". Sarà presente l'autrice Silvia Toniolo.

Leggi tutto »

15.02.2018

Intervista di Alessia Mocci a Massimo Pinto: vi presentiamo la silloge poetica Cento Farfalle e… più

Intervista di Alessia Mocci a Massimo Pinto: vi presentiamo la silloge poetica Cento Farfalle e… più

“Come ogni sera ancora,/ con la tua onda lunga/ tu mi addormenti, mare,/ e mi culli amoroso/ nella notte stellata./ Sicuro come un bimbo/ sulla barca ondeggiante/ si affollano nel sogno/ le domande di sempre:/ perché mai proprio tu,/ tu che non sai perché,/ sei stato un giorno eletto/ ad elemento primo/ di questo nostro globo?/ […]” ‒ “Sogno del pescatore (Cantico del mare)”

Leggi tutto »

15.02.2018

Sconnessi diretto da Christian Marazziti

"Sconnessi", il film diretto da Christian Marazziti, sarà distribuito nelle sale cinematografiche italiane da Vision Distribution a partire dal prossimo 22 febbraio. Prodotto da Camaleo, con il sostegno di Trentino Film Commission e la collaborazione dell’Azienda per il Turismo San Martino di Castrozza, Passo Rolle, Primiero e Vanoi, è il primo film ad uscire sugli schermi che si avvale del marchio T-Green Film, protocollo di sostenibilità ambientale sviluppato dalla Film Commission in collaborazione con APPA - Agenzia provinciale per l'ambiente e TIS engineering.

Leggi tutto »

13.02.2018

A WeGIL arriva RAT-MAN

Giovedì 22 febbraio alle 18.00, Leo Ortolani, il creatore di Rat-man, con il suo fumetto “C'è spazio per tutti” portato nel cosmo dall’astronauta Paolo Nespoli, sarà protagonista nell'hub culturale capitolino per eccellenza, WeGIL, con un appuntamento destinato a tutti gli amanti del super ratto e non solo.

Leggi tutto »

13.02.2018

Master of Photography in Trentin

Otto i fotografi impegnati in altrettanti ambiti del territorio

Ciak trentino per "Master of Photography"
Il Trentino ospita oggi le riprese della puntata dedicata al tema del paesaggio del primo talent show europeo dedicato alla fotografia prodotto da Sky Arts Production Hub.

 

Leggi tutto »