Ti trovi in:  Inizio > Cultura – Il nuovo Museo Diocesano di Feltre e Belluno

 

Il nuovo Museo Diocesano di Feltre e Belluno

Il nuovo Museo Diocesano di Feltre e Belluno

A Feltre, a partire dal 12 maggio, il nuovo Museo Diocesano di Feltre e Belluno svela tutti i suoi tesori. Il completo recupero dell'antichissimo Palazzo dei Vescovi, innalzato su uno sperone roccioso al punto di arrivo di Via del Paradiso, affascinante lembo della storica "Città Verticale", ha consentito alla Diocesi di Feltre e Belluno di dispiegare nelle 27 sale i suoi tesori d'arte e di fede.


Amalgamandoli sapientemente ad un contenitore che testimonia con i suoi affreschi (notevole il grande intervento mantegnesco nell'androne di ingresso) e le sue architetture, lo stratificarsi di una storia millenaria.

Il suggestivo allestimento è riuscito a creare una perfetta simbiosi tra le antiche pietre, i preziosi affreschi murali sopravvissuti alle ingiurie dei secoli e degli uomini, ed i tesori che qui sono stati concentrati, provenienti dai moltissimi conventi, monasteri, certose e chiese delle vallate feltrine e bellunesi. 
Tesori che spesso sono esempi della raffinatissima arte della lavorazione delle pietre, dei metalli e soprattutto del legno che nei secoli passati ha contraddistinto questi territori. 
Notevolissima, ad esempio, la collezione di sculture lignee del nuovo Diocesano, che annovera, tra le tante, l'emozionante "parata" dei 12 Apostoli o un intenso compianto o ancora un fanciullesco San Giorgio e il drago. 

Il nuovo Diocesano esprime attenzione anche nei confronti delle grandi personalità artistiche di questo magnifico territorio. Espone, ad esempio, quella che è la maggiore collezione di sculture di Andrea Brustolon, "il Michelangelo del legno", come ebbe a definirlo Honorè de Balzac. Oppure l'importantissimo gruppo di dipinti a tema sacro di Sebastiano Ricci, anch'egli bellunese di origine. O uno straordinario Tintoretto, firmato.

Sculture e dipinti ma anche oreficerie. Che in questo Museo si mostrano con reperti di importanza mondiale. A partire dal mitico calice paleocristiano del Diacono Orso, il più antico calice eucaristico dell'Occidente. Un oggetto che per alcuni studiosi, soprattutto del mondo inglese, riporta al Santo Graal. Non meno notevole è il raffinato Reliquiario a busto di San Silvestro Papa, proveniente dalla Certosa di Firenze, capolavoro di Antonio di Salvi, allievo del Pollaiolo. 

Sorpresa dopo sorpresa, il percorso conduce sino al contemporaneo, con un giusto omaggio ai grandi mastri del territorio feltrino e bellunese e con l'accoglienza di due opere che Mimmo Paladino e Arnaldo Pomodoro hanno creato proprio per questo Museo.

Tutto in un Palazzo-castello che nei millenni si è stratificato su un insediamento già preromano, poi trasformato in sistema fortificato in epoca medievale e ancora in un sontuoso palazzo veneziano e infine adattato, in epoca barocca e poi neoclassica, al mutare dei tempi e dei gusti. Nel "Paradiso" che domina Feltre, la bellissima "città verticale" dove coesistono Medioevo e Rinascimento. 

Tutto intorno le Prealpi Feltrine che introducono al Parco delle Dolomiti. E' in questo ambiente bellissimo, Patrimonio dell'Umanità, che il visitatore del nuovo Diocesano è invitato a percorrere anche l'Itinerario Sacro che, trovando epicentro proprio nel Museo, conduce da un lato al Convento Santuario dei Santi Vittore e Corona (affreschi giotteschi, in una costruzione di suggestione unica) e dall'altro alla Certosa di Vedana, meraviglia rinascimentale immersa nei boschi in terra di Sospirolo. Per poi percorrere, se si vuole, La via degli Ospizi, l'antichissimo itinerario che parte dalla Certosa per giungere in valle Imperina, lungo la direttrice della Val Cordevole, da sempre uno dei collegamenti nord-sud più importanti di questa porzione dell'arco alpino.

Il nuovo Museo Diocesano, diretto da mons. Giacomo Mazzorana, è il frutto della collaborazione tra la Diocesi di Belluno-Feltre, la Regione del Veneto, l'Unione Montana Feltrina, le Soprintendenze per i Beni Artistici e Storici, per i Beni Architettonici e Ambientali e per i Beni Archeologici del Veneto, con il fondamentale contributo di Fondazione Cariverona.

Info: www www. museodiocesanobellunofeltre.it tel. 0439 844082

Ufficio Stampa: 
Studio ESSECI, Sergio Campagnolo tel. 049.663499 
Stefania Bertelli: gestione1@studioesseci.net

 

 

Paperblog

 

Ultimi aggiornamenti:

18.06.2018

In libreria Cinema e Pittura di Luc Vancheri

cinema e pittura - contaminazioni di Luc Vancheri edito da Negretto Editore

Pubblicato nel 2007 dalla casa editrice francese Armand Colin, “Cinema e pittura” arriva il 30 giugno 2018 in Italia con la casa editrice Negretto Editore per la collana editoriale Studi cinematografici, diretta dal prof. Alberto Scandola, docente di Storia e Critica del Cinema presso l’Università di Verona.  

Leggi tutto »

23.05.2018

Figure di una Valle – 10 personaggi solandri

il 68 in trentino

Spazia dalla storia alle arti figurative la programmazione culturale del Centro Studi per la Val di Sole
La Grande Guerra, il Sessantotto e l’arte pittorica di Paolo Vallorz
E’ un programma culturale intenso e di alto profilo quello che il “Centro Studi per la Val di Sole” ha stilato per i prossimi mesi e che prevede una ventina di appuntamenti nel periodo compreso tra la fine di maggio e l’inizio di agosto.

Leggi tutto »

20.05.2018

La Repubblica delle meraviglie Sasha Vinci / Maria Grazia Galesi

Venezia va in scena La Repubblica delle Meraviglie

Il 22 maggio 2018, a Venezia, si inaugura La Repubblica delle Meraviglie, il nuovo progetto del duo Vinci / Galesi (Sasha Vinci, 1980 e Maria Grazia Galesi 1988), a cura di Diego Mantoan e Paola Tognon, ideato in seguito alla vincita del Sustainable Art Prize 2017, promosso dall'Università Ca' Foscari Venezia, all'interno del programma Ca' Foscari Sostenibile, in collaborazione con ArtVerona. Il progetto è realizzato con il supporto della galleria aA29 Project Room (Milano/Caserta).

Leggi tutto »

18.05.2018

TRACCE Aspetti dell’Arte Contemporanea

TRACCE

Sabato 19 Maggio 2018, alle ore 18.00, sarà inaugurata la mostra, a cura di Maurizio Vitiello, “TRACCE - Aspetti dell’arte contemporanea” con opere recenti di Luciano Astolfi, Sonia Babini, Alfredo Celli, Maria Cristina Cirilli, Roberto Di Giampaolo, Rita D’Emilio, Gigino Falconi, Marco Vinicio Fattori, Carmine Galiè, Daniele Guerrieri, Giuseppe Liberati, Pasquale Lucchitti, Salvatore Marsillo, Lucio Monaco, Manuela Nori, Achille Pace, Pasquale Pagnottella, Pino Procopio, Miriam Salvalai, Franco Summa presso lo spazio “RespirArt Gallery” di Giulianova. Sino a mercoledì 30 Maggio 2018.

Leggi tutto »

18.05.2018

Henri Cartier-Bresson, landscapes paysages

Al Forte di Bard i Paesaggi di Cartier-Bresson

Dal 17 giugno al 21 ottobre 2018 la mostra realizzata dal Forte di Bard in collaborazione con Magnum Photos International e Fondation Henri Cartier-Bresson di Parigi, presenta 105 immagini in bianco e nero, personalmente selezionate da Henri Cartier-Bresson, scattate tra gli anni Trenta e gli anni Novanta fra Europa, Asia e America. 

Leggi tutto »

18.05.2018

Interno, esterno di Luisa Bergamini

ARTE NON STOP dal 20 a Mombaroccio

Prima esposizione di“ARTE NON STOP”, staffetta d’arte contemporanea tutta al femminile in
programma nella Chiesa di San Marco, a cura dell’artista Lucia Spagniuolo. Ingresso libero

“Interno, esterno”, domenica 20 maggio a Mombaroccio si inaugura la mostra personale di Luisa Bergamini

Leggi tutto »

18.05.2018

Vangi connections

VANGI PER PESARO al Centro Arti Visive

In programma alle 17.30 “Vangi connections”, organizzato da Comune di Pesaro – Assessorato alla Bellezza e Sistema Museo. Una visita esclusiva con il maestro Giuliano Vangi che accompagna il pubblico in un tour guidato alle sue opere nel percorso “Vangi per Pesaro”. 

Leggi tutto »

18.05.2018

 L'Ape Regina di Gianluca Morozzi

L'Ape Regina_, il nuovo romanzo di Gianluca Morozzi

Ragazzine fanatiche di Doctor Who e imbarazzanti supereroi che combattono battaglie improbabili nei cieli di casa nostra: in libreria da oggi il nuovo romanzo di Gianluca Morozzi

«Nella storia del mondo ci sono stati quattro supereroi. Solo quattro. Ed erano italiani... Non solo italiani: erano di Bologna».

Leggi tutto »

16.05.2018

CHILDREN SMILE VILLAGE

Children Smile Village Massimo Bagnato

9 comici provenienti da Zelig, Colorado, Made in Sud, 25 stage di danza, grandi artisti di musica popolare, classica, lirica e pop, una cucina di 70 metri quadrati con le eccellenze delle 4 regioni colpite dal sisma, attività per bambini, auto d’epoca, sbandieratori, scherma storica e molto altro.

Leggi tutto »

16.05.2018

L'ultimo spartito di Rossini - Simona Baldelli

l'ultimo spartito di Rossini

Pomeriggio letterario rossiniano in programma domenica 20 maggio a Palazzo Mosca - Musei Civici. Dalle 17.30 (ingresso libero) sarà ospite Simona Baldelli per la presentazione del suo nuovo romanzo L’ultimo spartito di Rossini (2018), Edizioni Piemme, appena uscito nell’ambito delle celebrazioni per il 150 anni dalla morte di Gioachino Rossini (13 novembre 1868).

Leggi tutto »

12.05.2018

Terra Bruciata, presentazione del film

Terra bruciata

Il docufilm “Terra Bruciata” in anteprima a Giulianova

Ospiti il regista Luca Gianfrancesco e prof. Giuseppe Angelone, docente di Cinema, Fotografia e Televisione presso la Seconda Università di Napoli
Grazie all’interessamento della Prof.ssa Lucia Marcone, docente negli istituti superiori e il supporto storico di Walter De Berardinis, ricercatore locale sugli avvenimenti militari nella 1° e 2° Guerra Mondiale nella Città di Giulianova e delegato dell’A.N.V.C.G. (Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra), l’Istituto Luce-Cinecittà ha concesso la proiezione in anteprima del docufilm “Terra Bruciata”, in tour in Italia, presso il Cinema Moderno Multiscreen di Giulianova alta la mattina del 16 maggio 2018.

Leggi tutto »

10.05.2018

Generazione '68. Sociologia, Trento, il mondo

Generazione '68_ Sociologia, Trento, il mondo

Lunedì 14 maggio alle ore 18.00 presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale di Trento si inaugura un'esposizione dedicata alla generazione del '68 e al fermento degli anni anni Sessanta. Linguaggi, stili e miti dell'epoca entrano in mostra per indagare le radici del movimento studentesco, tra il contesto trentino e quello internazionale.

Leggi tutto »