Ti trovi in:  Cultura

 

La giovane Tina Anselmi – Dalla resistenza all’impegno sindacale e politico

Tina_Anselmi_ dati camera_it

Le immagini che restano scolpite a fine lettura del libro “La giovane Tina Anselmi – Dalla resistenza all’impegno sindacale e politico (1944-1959)” sono due: una ragazza di appena 18 anni (nome di battaglia Gabriella) che vola in bicicletta verso la colonna degli Alleati, su ordine del comandante Gino Sartor e che sale in cima al carroarmato per indicare la strada più breve per arrivare a Castelfranco e porre fine all’eccidio dei tedeschi in ritirata (125 fucilati tra San Martino di Lupari e Castello di Godego il 29 aprile 1945); e una giovanissima sindacalista, che gira per le filande del Trevigiano, guarda le mani ‘lessate’ dall’acqua calda delle filandine, e le esorta a iscriversi al sindacato, a restare unite, a votare e a non avere paura nel rivendicare orari e salari migliori.

TINA ANSELMI: NEL LIBRO DI MAURO PITTERI IL PERCORSO DI FORMAZIONE DELLA STAFFETTA PARTIGIANA E ATTIVISTA SINDACALE DI CASTELFRANCO DIVENTATA LA PRIMA DONNA MINISTRO DELLA REPUBBLICA
 

Sono due delle 100 ‘istantanee’ scattate da Mauro Pitteri, storico e insegnante, che compulsando archivi e biblioteche, ha ricostruito in cento pagine  il percorso formativo di Tina Anselmi, giovanissima staffetta partigiana diventata la prima donna ministro della Repubblica e poi presidente della commissione parlamentare di indagine sulla P2. Degli incarichi politici e governativi di Tina quasi non c’è cenno nel racconto, se non nella documentata appendice sulla carriera pubblica, i ‘prodotti’ legislativi e gli scritti della parlamentare di Castelfranco Veneto, scomparsa il 1° novembre di due anni fa. Portano la sua firma - tra le leggi più note che hanno ‘fatto’ la storia dell’Italia - la legge istitutiva del servizio sanitario nazionale  nel 1978, quella che ha parificato gli stipendi tra uomini e donne (1977), l’obbligatorietà della vaccinazione contro il tetano e il riconoscimento dell’interruzione volontaria della maternità, legge che Tina Anselmi firmò come ministro della sanità,  nonostante fosse una donna profondamente e convintamente cattolica.

 

Ma nelle cento ‘istantanee’ del libro di Pitteri compare in filigrana la società veneta del dopoguerra, l’impegnativa ricostruzione della democrazia, dei partiti, del sindacato, della presenza attiva dei cattolici in politica e nel mondo del lavoro. C’è la crisi del tessile e l’aspro conflitto sociale  tra i ‘signori industriali’ e le maestranze, soprattutto quelle femminili. Ma soprattutto c’è, in embrione,  il percorso politico di una democristiana protagonista della Prima repubblica: la ragazza tenace e determinata, che ha maturato la sua scelta di campo nella Resistenza assistendo inorridita all’impiccagione dei partigiani a Bassano e che ha conosciuto in prima persona l’esperienza della guerra, della fame, del lavoro, della fatica e della lotta sindacale, ed è in prima fila per il voto alle donne e per la costituzione dei primi quadri sindacali locali  nel secondo dopoguerra.

 

E che, al culmine delle travagliate vicende del 1848-50 che portarono allo scontro tra i Comitati Civici di Gedda e l’Azione Cattolica di Carlo Carretto,  alla scissione del sindacato unitario e alla nascita della Cisl, fa scivolare in secondo piano l’impegno politico e sindacale, presa com’è dal completare il percorso di laurea (si laurea alla Cattolica di Milano nel 1948) e dai suoi primi anni di insegnamento come maestra nelle scuole elementari di Ramon di Loria e a Castello di Godego. Segna della serietà con cui l’ex staffetta partigiana viveva la sua esperienza professionale e del significato che attribuiva alla formazione e alla scuola, premessa indispensabile – scriveva - per la crescita delle persone e lo sviluppo sociale ed economico.

 

La documentata ricerca di archivio, condotta con rigore da Pitteri, consente di mettere a fuoco le parole chiave che hanno orientato le coordinate di vita e di impegno sociale e politico di Tina Anselmi: concretezza, ‘buon senso’ e responsabilità. “La democrazia – scriveva Tina Anselmi negli anni Sessanta – comporta non solo adesione ai valori, ma esercizio. Individuare iniziative concrete. C’è un qualunquismo che dilaga, perchè non c’è responsabilità”.

 

Il libro di Mauro Pitteri “La giovane Tina Anselmi. Dalla Resistenza all’impegno sindacale e politico (1944-1959)” pagg144, Tipi Edizioni, è edito dalla Cisl del Veneto ed è in distribuzione nelle sedi provinciali e regionale della Cisl veneta, e richiedibile all’indirizzo e-mail urs_veneto@cisl.it. Sarà, inoltre, distribuito nelle scuole e negli incontri sindacali e farà da trama allo spettacolo teatrale “La giovane Tina” che l’associazione ArtiVarti sta allestendo per novembre, in vista del secondo anniversario della scomparsa della politica e sindacalista trevigiana.

fonte: Regione Veneto

 

 

 

 

Ultimi aggiornamenti:

17.01.2020

Empatia letture da Ballardismo Applicato di Simon Sellars

Empatia  letture da Ballardismo Applicato di Simon Sellars

Empatia sabato 18 gennaio ore 18.30
Serata di letture da «Ballardismo Applicato» di Simon Sellars  (Not | NERO)
intervengono: Luciano Funetta | Maestro di Cerimonie - The biggest | Ai piatti - I lettori di Empatia

Leggi tutto »

17.01.2020

La sottile magia delle incisioni - Carlo Iacomucci

LA SOTTILE MAGIA DELLE INCISIONI DEL MAESTRO CARLO  IACOMUCCI

“ LA SOTTILE MAGIA DELLE INCISIONI” DEL MAESTRO CARLO  IACOMUCCI

Evento a cura della prof.ssa Amneris Ulderigi, in collaborazione con Caterina Garofoli che metteranno in luce l'Arte bella del maestro Carlo Iacomucci, come incisore e pittore.

Vernissage sabato 18 gennaio 2020- ore 17,15  CASA VINICOLA G. GAROFOLI, Via Carlo Marx 123- Villa Musone-CASTELFIDARDO .

Leggi tutto »

17.01.2020

Musei da vivere a febbraio 2020

Musei da vivere

Musei da vivere - appuntamenti di febbraio 2020

L’Assessorato Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali della Regione autonoma Valle d’Aosta, nell’ambito dell’offerta culturale per il MAR - Museo Archeologico Regionale e per l’Area Megalitica - Parco e museo archeologico di Saint-Martin-de-Corléans di Aosta, denominata Musei da vivere, comunica gli appuntamenti in programma per il mese di febbraio 2020.

Leggi tutto »

17.01.2020

Arte antica e contemporanea a confronto da Francesco da Rimini a Lucio Fontana

La ferita tra umano e divino

LA FERITA TRA UMANO E DIVINO - Arte antica e contemporanea a confronto da Francesco da Rimini a Lucio Fontana a cura di Andrea Dall’Asta e Sara Tassi dal 30 novembre 2019 al 29 febbraio 2020 con inaugurazione sabato 30 novembre ore 18. Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, Palazzo Bisaccioni, Jesi (AN)

Leggi tutto »

15.01.2020

Il Pipistrello di Johann Strauss ad Aosta

Il Pipistrello di Johann Strauss ad Aosta

Il Pipistrello di Johann Strauss

L’Assessorato regionale del Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali, nell’ambito della Saison Culturelle 2019/2020, presenta, martedì 21 gennaio 2020, alle ore 21, al Teatro Splendor di Aosta, l’operetta Il Pipistrello, della compagnia Corrado Abbati.

Leggi tutto »

15.01.2020

Parma Capitale Italiana della Cultura 2020

Capitale Italiana della Cultura 2020

L’itinerario nei luoghi imperdibili della Capitale Italiana della Cultura 2020 e del suo territorio, tra arte, gastronomia ed eventi.

Parma ha appena inaugurato il suo anno giallo oro di Capitale Italiana della Cultura 2020.

Leggi tutto »

15.01.2020

La fuga in Egitto e altre storie a Cremona, Orazio Gentileschi

ORAZIO GENTILESCHI_ La fuga in Egitto

ORAZIO GENTILESCHI. La fuga in Egitto e altre storie
Mostra a cura di Mario Marubbi 14 Marzo 2020 - 21 Giugno 2020 a Cremona, Pinacoteca Ala Ponzone

Leggi tutto »

15.01.2020

MODENANTIQUARIA. XXXIV edizione

Modenantiquaria 2020

 

Modenantiquaria 2020: un progetto ambizioso e ricercato sinonimo d’Eccellenza.
Dall’8 al 16 febbraio a ModenaFiere ritorna Modenantiquaria e la sua XXXIV Edizione.

Leggi tutto »

13.01.2020

Stefano Pellegrino in arte Pelle

Quadraro Basement lancia PELLE

Quadraro Basement lancia PELLE - Musica urbana nel singolo d’esordio 23:23
In uscita il 15 gennaio 2020

Dopo aver lanciato artisti come Noyz Narcos, Baby K, Capo Plaza, Quadraro Basement, l’etichetta del rap underground indipendente dal 2005, torna con un nuovo artista, destinato a farsi ascoltare dagli amanti della musica Urban e non solo: Pelle.

Leggi tutto »

12.01.2020

Trentino Film Commission: tutti i progetti selezionati nell'ultima call

Film Commission: tutti i progetti selezionati nell'ultima call

Film Commission: tutti i progetti selezionati nell'ultima call. Trentino Film Commission nell'ultimo bando del 2019 ha approvato 7 progetti, suddivisi in 3 produzioni cinematografiche e televisive, un documentario e 3 produzioni locali, a fronte di 13 presentati, assegnando attraverso il Film Fund un contributo complessivo di 263.450 euro.

Leggi tutto »

10.01.2020

La processione in Val Vigezzo Carlo Fornara e il Divisionismo

Processione a Prestinone di Val Vigezzo- Carlo Fornara

La mostra di Carlo Fornara ad Aosta si arricchisce di un altro capolavoro

L'Assessorato del Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali della Regione autonoma Valle d'Aosta comunica che l'esposizione Carlo Fornara e il Divisionismo, curata da Annie-Paule Quinsac e diretta da Daria Jorioz, attualmente in corso al Museo Archeologico Regionale di Aosta, si arricchisce di un nuovo capolavoro del pittore piemontese, La processione in Val Vigezzo, datato 1896.

Leggi tutto »

03.01.2020

Goodbye Glaciers

Goodbye Glaciers

Dal 7 gennaio la mostra itinerante Goodbye Glaciers sul ritiro dei ghiacciai al palazzo provinciale 11. Mercoledì 8 gennaio inaugurazione con l’assessora Hochgruber Kuenzer.

Leggi tutto »