Ti trovi in:  Cultura

 

La Luna nel pozzo di Rossella De Stefani a CandelarArte 2018

Rossella De Stefani  www_rosselladeste_altervista_org

La Pro Loco di Candelara e l’Accademia AIIA hanno il piacere di invitare la cittadinanza, gli appassionati d’arte ed i turisti all’inaugurazione della mostra monografica di Rossella De Stefani intitolata: “La Luna nel pozzo”.

Inaugurazione della mostra “La Luna nel pozzo” di Rossella De Stefani

La presente mostra apre la rassegna espositiva “CandelarArte 2018”, curata da Lorenzo Fattori, che ha ottenuto il patrocinio della Provincia di Pesaro e Urbino, del Comune di Pesaro e del Consiglio di “Quartiere n. 3 delle colline e dei castelli”. L’inaugurazione avverrà giovedì 10 maggio 2018, alle ore 18.30, presso “La piccola Galleria Comunale – San Domenico” di Pesaro. Sarà presente l’artista e il curatore della mostra.

Rossella De Stefani nasce a Pesaro, si diploma all’Istituto d’Arte “Ferruccio Mengaroni” di Pesaro. Prosegue la sua formazione presso l’Accademia di Belle Arti di Urbino, seguendo il corso di “pittura”. Ha frequentato inoltre l’Accademia AIIA di Candelara, dove successivamente è stata anche insegnante. Nel suo percorso ha utilizzato con abilità diverse tecniche: la pittura ad olio, l’acquarello, l’incisione, la grafica e non ha disdegnato l’utilizzo dei gessetti su strada.

Rossella non ama parlare di sé, ma preferisce esprime le sue emozioni attraverso la pittura; nel suo sito web si presenta così al suo pubblico: “la pittura è per me espressione dell’anima, ne ho bisogno per analizzarmi, capirmi ma anche per espormi e confrontarmi. La uso per dominare i miei sentimenti, razionalizzarli”. Rossella con la pittura racconta la sua visione del mondo. Le sue opere partono da un’osservazione della quotidianità ma l’immagine pittorica finale è frutto di una visione surreale ed emozionale del mondo, visto attraverso non solo i suoi occhi ma, soprattutto, la sua mente. Rossella è una pittrice figurativa ma è interessata soprattutto allo studio delle emozioni che animano le sue composizioni ed il risultato pittorico finale è molto lontano dal realismo.

Rossella ama cimentarsi tanto nell’arte del ritratto quanto in quella del paesaggio dal vero, ma sicuramente lo studio del corpo femminile è quello che risulta essere più convenzionale al suo linguaggio artistico-poetico; tuttavia lo studio del corpo femminile e del paesaggio si fondono spesso insieme in un unico componimento e ne escono i migliori risultati dei suoi studi.

Ha voluto intitolare la sua mostra “La luna nel pozzo”, una diffusa espressione linguistica che letteralmente vuol dire far credere che in quel riflesso della luna in fondo ad un pozzo, che pare così a portata di mano, ci sia veramente la luna; si tratta di una sorta di illusione ottica che però si infrange non appena si cerca di tirare fuori dal pozzo la luna riflessa. In senso più negativo può significare anche far credere cose assurde, impossibili, generalmente allo scopo di raggirare qualcuno come illudere, lusingare e creare false illusioni. La pittura di Rossella è armoniosa, lussureggiante e quasi un miraggio perché forse abbellisce la realtà per renderla meno cruda. È intrisa di un messaggio riflessivo: ecco allora che la figura, come il paesaggio, spesso è ricostruito attraverso delle linee curve che geometrizzano lo spazio ed i corpi, quasi fossero dei pilastri portanti di un edificio o lo scheletro di un corpo. Ma queste linee, spesso sono anche vettori, che imprigionano in loro la forza vitale e la dirottano in direzioni date. Rossella a proposito afferma che: “la geometria dei miei quadri è un’illusione, prova a creare un ordine in qualcosa che non è schematizzabile: il caos delle mie emozioni”. Ecco che quell’ordine apparente è dato dall’immagine della luna che si riflette sulla superficie dell’acqua ma subito si infrange se qualcuno la tocca con le mani o cerca di interpretare il significato dell’immagine dipinta che è solamente apparenza; un’immagine affascinante e serena, ma è in realtà un’attenta e severa riflessione del mondo che circonda l’artista.

 

La mostra rimarrà allestita presso “La piccola Galleria Comunale – San Domenico” fino a mercoledì 16 maggio 2018 e sarà visitabile con il seguente orario di apertura:

Tutti i giorni dalle 16 alle 20.00.
 

Sarà possibile richiedere visite per singoli o gruppi anche in altri orari contattando l’artista al numero 3362564958. Sul sito www.candelara.com potrete trovare il calendario completo delle nostre iniziative!

 

Lorenzo Fattori

(direttore artistico di “CandelarArte”)

 

 

 

 

Ultimi aggiornamenti:

17.01.2020

Empatia letture da Ballardismo Applicato di Simon Sellars

Empatia  letture da Ballardismo Applicato di Simon Sellars

Empatia sabato 18 gennaio ore 18.30
Serata di letture da «Ballardismo Applicato» di Simon Sellars  (Not | NERO)
intervengono: Luciano Funetta | Maestro di Cerimonie - The biggest | Ai piatti - I lettori di Empatia

Leggi tutto »

17.01.2020

La sottile magia delle incisioni - Carlo Iacomucci

LA SOTTILE MAGIA DELLE INCISIONI DEL MAESTRO CARLO  IACOMUCCI

“ LA SOTTILE MAGIA DELLE INCISIONI” DEL MAESTRO CARLO  IACOMUCCI

Evento a cura della prof.ssa Amneris Ulderigi, in collaborazione con Caterina Garofoli che metteranno in luce l'Arte bella del maestro Carlo Iacomucci, come incisore e pittore.

Vernissage sabato 18 gennaio 2020- ore 17,15  CASA VINICOLA G. GAROFOLI, Via Carlo Marx 123- Villa Musone-CASTELFIDARDO .

Leggi tutto »

17.01.2020

Musei da vivere a febbraio 2020

Musei da vivere

Musei da vivere - appuntamenti di febbraio 2020

L’Assessorato Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali della Regione autonoma Valle d’Aosta, nell’ambito dell’offerta culturale per il MAR - Museo Archeologico Regionale e per l’Area Megalitica - Parco e museo archeologico di Saint-Martin-de-Corléans di Aosta, denominata Musei da vivere, comunica gli appuntamenti in programma per il mese di febbraio 2020.

Leggi tutto »

17.01.2020

Arte antica e contemporanea a confronto da Francesco da Rimini a Lucio Fontana

La ferita tra umano e divino

LA FERITA TRA UMANO E DIVINO - Arte antica e contemporanea a confronto da Francesco da Rimini a Lucio Fontana a cura di Andrea Dall’Asta e Sara Tassi dal 30 novembre 2019 al 29 febbraio 2020 con inaugurazione sabato 30 novembre ore 18. Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, Palazzo Bisaccioni, Jesi (AN)

Leggi tutto »

15.01.2020

Il Pipistrello di Johann Strauss ad Aosta

Il Pipistrello di Johann Strauss ad Aosta

Il Pipistrello di Johann Strauss

L’Assessorato regionale del Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali, nell’ambito della Saison Culturelle 2019/2020, presenta, martedì 21 gennaio 2020, alle ore 21, al Teatro Splendor di Aosta, l’operetta Il Pipistrello, della compagnia Corrado Abbati.

Leggi tutto »

15.01.2020

Parma Capitale Italiana della Cultura 2020

Capitale Italiana della Cultura 2020

L’itinerario nei luoghi imperdibili della Capitale Italiana della Cultura 2020 e del suo territorio, tra arte, gastronomia ed eventi.

Parma ha appena inaugurato il suo anno giallo oro di Capitale Italiana della Cultura 2020.

Leggi tutto »

15.01.2020

La fuga in Egitto e altre storie a Cremona, Orazio Gentileschi

ORAZIO GENTILESCHI_ La fuga in Egitto

ORAZIO GENTILESCHI. La fuga in Egitto e altre storie
Mostra a cura di Mario Marubbi 14 Marzo 2020 - 21 Giugno 2020 a Cremona, Pinacoteca Ala Ponzone

Leggi tutto »

15.01.2020

MODENANTIQUARIA. XXXIV edizione

Modenantiquaria 2020

 

Modenantiquaria 2020: un progetto ambizioso e ricercato sinonimo d’Eccellenza.
Dall’8 al 16 febbraio a ModenaFiere ritorna Modenantiquaria e la sua XXXIV Edizione.

Leggi tutto »

13.01.2020

Stefano Pellegrino in arte Pelle

Quadraro Basement lancia PELLE

Quadraro Basement lancia PELLE - Musica urbana nel singolo d’esordio 23:23
In uscita il 15 gennaio 2020

Dopo aver lanciato artisti come Noyz Narcos, Baby K, Capo Plaza, Quadraro Basement, l’etichetta del rap underground indipendente dal 2005, torna con un nuovo artista, destinato a farsi ascoltare dagli amanti della musica Urban e non solo: Pelle.

Leggi tutto »

12.01.2020

Trentino Film Commission: tutti i progetti selezionati nell'ultima call

Film Commission: tutti i progetti selezionati nell'ultima call

Film Commission: tutti i progetti selezionati nell'ultima call. Trentino Film Commission nell'ultimo bando del 2019 ha approvato 7 progetti, suddivisi in 3 produzioni cinematografiche e televisive, un documentario e 3 produzioni locali, a fronte di 13 presentati, assegnando attraverso il Film Fund un contributo complessivo di 263.450 euro.

Leggi tutto »

10.01.2020

La processione in Val Vigezzo Carlo Fornara e il Divisionismo

Processione a Prestinone di Val Vigezzo- Carlo Fornara

La mostra di Carlo Fornara ad Aosta si arricchisce di un altro capolavoro

L'Assessorato del Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali della Regione autonoma Valle d'Aosta comunica che l'esposizione Carlo Fornara e il Divisionismo, curata da Annie-Paule Quinsac e diretta da Daria Jorioz, attualmente in corso al Museo Archeologico Regionale di Aosta, si arricchisce di un nuovo capolavoro del pittore piemontese, La processione in Val Vigezzo, datato 1896.

Leggi tutto »

03.01.2020

Goodbye Glaciers

Goodbye Glaciers

Dal 7 gennaio la mostra itinerante Goodbye Glaciers sul ritiro dei ghiacciai al palazzo provinciale 11. Mercoledì 8 gennaio inaugurazione con l’assessora Hochgruber Kuenzer.

Leggi tutto »