Ti trovi in:  Cultura

 

Aztechi, Maya e Inca giocavano a calcio molto prima degli europei

Aztechi, Maya e Inca giocavano a calcio molto prima degli europei

Aztechi, Maya e Inca giocavano a calcio molto prima degli europei, con tanto di tifo e di scommesse.
A Faenza, in mostra gli "antenati" di Ronaldo e Messi

 

A Faenza, la spettacolare mostra che il MIC Museo Internazionale delle Ceramiche dedica a "Aztechi, Maya, Inca e le culture dell'antica America" (dall'11 novembre al 28 aprile prossimi, a cura di Antonio Aimi e Antonio Guarnotta) stupirà i visitatori non soltanto per la strepitosa bellezza e raffinatezza delle ceramiche esposte - veri e proprio capolavori d'arte - ma anche per i molti, curiosi spunti di approfondimento che arricchiscono l'esposizione.


Uno dei più curiosi riguarda l'invenzione del gioco con la palla, che può essere considerato progenitore del nostro calcio e di tutti gli sport in cui si usa una palla che rimbalza.
Infatti negli altri giochi dell'antichità e degli altri continenti che potrebbero rivendicare un legame analogo si usavano palle che non rimbalzavano.


Lo illustra, nel catalogo edito da Silvana che accompagna la mostra, Antonio Aimi. "Il gioco della palla - scrive Aimi - era presente in molte culture dell'antica America, dalla Mesoamerica alle Ande Meridionali, dall'Area Intermedia all'Amazzonia, ma non nell'Area Peruviana. Quello praticato nella Mesoamerica può essere considerato il gioco a squadra più antico del mondo, che aveva una centralità sconosciuta altrove e che ha lasciato monumenti impressionanti (il campo da gioco di Chichen Itza è lungo 168 metri) e paraphernalia straordinari.


Il gioco della palla poteva essere praticato - continua il prof. Aimi - in spazi aperti o in costruzioni apposite, gli sferisteri, strutture allungate a forma di "I", che erano delimitati o da bassi muretti o da grandi costruzioni con pareti inclinate o verticali, in cui, a partire dall'Epiclassico, erano inseriti degli anelli. Il terreno degli sferisteriera diviso a metà dai marcadores che delimitavano il campo di ogni squadra. Il gioco era la reiterazione di eventi dei miti cosmogonici di cui erano stati protagonisti gli eroi culturali e gli stessi dei....


Pur essendo nato come rituale religioso, nel corso del tempo il gioco della palla acquisì sempre più una componente profana, tant'è vero che le cronache riferiscono che alla vigilia della Conquista le partite erano accompagnate da un "tifo" appassionato e da numerose scommesse".
Ma come si svolgevano quelle partite? I palloni usati erano più piccoli degli attuali. Il loro diametro non superava i 15 centimetri. La palla poteva essere colpita solo con le anche, le cosce o le ginocchia e ogni squadra doveva rinviare la palla nel campo degli avversari senza farla uscire dallo sferisterio, né farle toccare il terreno. Vinceva chi, commettendo meno errori, arrivava a totalizzare per prima un determinato punteggio.


Ma quelle antiche partite anticipano anche altri sport di oggi. ad esempio la pallacanestro. Se, infatti, nel corso delle partite una squadra riusciva a far passare la palla attraverso gli anelli, che, a partire dal Postclassico erano stati collocati ai lati del campo, vinceva ipso facto la partita. 
"Nel corso di circa 3000 anni di storia mesoamericana si sono sviluppate -sottolinea l'esperto - diverse varianti del gioco. Nella regione dell'Oaxaca si usava una palla di piccole dimensioni che veniva lanciata con guanti pesanti, nell'Area Maya si giocava anche con una palla di grandi dimensioni (circa un metro di diametro) fatta, probabilmente, di una pelle gonfiata. A Teotihuacan, la grande metropoli che dominò la Valle del Messico durante il Periodo Classico, pare che esistessero anche altri due modi di giocare.

Il primo prevedeva di colpire la palla coi piedi, il secondo con una mazza e veniva praticato in un terreno aperto delineato da marcadores verticali, mobili e componibili, che, una volta assemblati, sembravano colonne sormontate da una sfera e da un cerchio". Come a dire, nulla di nuovo sotto il sole dello sport!

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza
Viale Baccarini n°19
48018 Faenza (RA)

tel. +39 (0)546 697311
fax +39 (0)546 27141
info@micfaenza.org

Ufficio Stampa
Studio ESSECI di Sergio Campagnolo
tel. 049663499
Referente Simone Raddi: gestione2@studioesseci.net

 

 

 

 

Ultimi aggiornamenti:

15.11.2019

Ai MERCATI DI TRAIANO nuove incursioni artistiche

Ai MERCATI DI TRAIANO nuove incursioni artistiche

Ai Mercati di Traiano 
LIVE MUSEUM, LIVE CHANGE
lancia una call rivolta agli artisti per “abitare” uno dei musei più visitati della capitale
venerdì 22 novembre | h. 11.00
Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali, Via Quattro Novembre, 94 - Roma nell’ambito dell’Avviso Atelier Arte Bellezza Cultura della Regione Lazio (P.O.R. FESR Lazio 2014/2020 azione 3.3.1b)

Leggi tutto »

15.11.2019

Al Castello del Buonconsiglio Venere e Adone di Tiziano

Venere e Adone di Tiziano

Al Castello del Buonconsiglio Venere e Adone di Tiziano
Martedì 19 novembre ad ore 17.00 secondo appuntamento per presentare al pubblico il libro dedicato ad un capolavoro di Tiziano.

Leggi tutto »

14.11.2019

BOLDINI. L’incantesimo della pittura. Capolavori dal Museo Boldini di Ferrara

BOLDINI. L’incantesimo della pittura. Capolavori dal Museo Boldini di Ferrara

07 Dicembre 2019 - 03 Maggio 2020 
Barletta, Pinacoteca De Nittis

BOLDINI. L’incantesimo della pittura. Capolavori dal Museo Boldini di Ferrara
Mostra a cura di Barbara Guidi e Maria Luisa Pacelli

A partire dal 7 dicembre 2019, la Pinacoteca De Nittis di Barletta ospiterà la mostra Boldini. L’incantesimo della pittura. Capolavori dal Museo Boldini di Ferrara. Si tratta della prima monografica mai dedicata in Puglia al celebre ritrattista, collega di Giuseppe De Nittis a Parigi, frutto di un virtuoso scambio tra istituzioni civiche simili per storia, natura e vocazione: il Museo Giovanni Boldini di Ferrara e la Pinacoteca – Casa De Nittis di Barletta.

Leggi tutto »

14.11.2019

NOVECENTO PRIVATO. Da de Chirico a Vedova a Milano

NOVECENTO PRIVATO Da de Chirico a Vedova

17 Gennaio 2020 - 22 Febbraio 2020
Milano, Galleria Bottegantica

NOVECENTO PRIVATO. Da de Chirico a Vedova
Mostra a cura di Stefano Bosi, Valerio Mazzetti Rossi, Enzo Savoia
Con la consulenza scientifica di Fabio Benzi

Alcuni dei Giganti del ‘900 italiano tornano nelle sale che, nel secondo dopoguerra, li avevano accolti quali giovani protagonisti dell’arte del loro tempo.

Leggi tutto »

12.11.2019

ULISSE. L’arte e il mito a Forlì

Ulisse, l'arte e il mito a Forli

15 Febbraio 2020 - 21 Giugno 2020 a Forlì, Musei San Domenico
ULISSE. L’arte e il mito - Promossa e organizzata dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì.

La mostra che i Musei San Domenico di Forlì propongono per il 2020 è di quelle che solo i grandissimi musei intenzionali sanno programmare. La sfida è confermare il grande livello espositivo che in 15 anni Forlì ha saputo creare, grazie alla forza propulsiva e culturale della Fondazione Cassa dei Risparmi e alla regia di Gianfranco Brunelli, che dei progetti espositivi della Fondazione è il responsabile.

Leggi tutto »

11.11.2019

Photolux Festival -IV Biennale Internazionale di Fotografia di Lucca

Photolux Festival -IV Biennale Internazionale di Fotografia di Lucca

LUCCA - DAL 16 NOVEMBRE ALL’8 DICEMBRE 2019 LA IV EDIZIONE DI PHOTOLUX FESTIVAL MONDI | NEW WORLDS

Oltre 20 mostre diffuse in sei sedi nel cuore della città toscana, per uno degli appuntamenti di fotografia più interessanti del panorama europeo.

Tra le esposizioni più attese, quella che celebra il 50° anniversario del primo uomo sulla Luna, il progetto Gossan: Mars Mission di Joan Fontcuberta, l’antologica di Romano Cagnoni a un anno dalla sua scomparsa.

La grande fotografia è in rampa di lancio!

Leggi tutto »

11.11.2019

Fotografie in carcere di Margherita Lazzati

il Museo Diocesano Carlo Maria Martini di Milano ospita la mostra di Margherita Lazzati

AL MUSEO DIOCESANO CARLO MARIA MARTINI DI MILANO DAL 15  NOVEMBRE 2019 AL 26 GENNAIO 2020 LA MOSTRA DI MARGHERITA LAZZATI FOTOGRAFIE IN CARCERE 
MANIFESTAZIONI DELLA LIBERTÀ RELIGIOSA

L’esposizione presenta 50 immagini che documentano il libero esercizio della fede da parte dei detenuti, nella quotidianità del carcere di Milano Opera.

GIOVEDÌ 14 NOVEMBRE 2019 DALLE ORE 11.30 ALLE ORE 13.00 Milano, Museo Diocesano Carlo Maria Martini  (ingresso da piazza Sant’Eustorgio 3)

Leggi tutto »

10.11.2019

Otto donne e un mistero di Robert Thomas ad Aosta

Otto donne e un mistero

Otto donne e un mistero di Robert Thomas
con Anna Galiena, Debora Caprioglio, Caterina Murino, Paola Gassman e con Antonella Piccolo, Claudia Campagnola, Giulia Fiume, Mariachiara Di Mitri

La Pirandelliana srl - Compagnia Molière srl in collaborazione con ABC Produzioni

Leggi tutto »

10.11.2019

La Bibliotheca Magica di Jesi

La-Bibliotheca-Magica di Jesi

La Bibliotheca Magica
 
Mostra documentaria
Un nuovo percorso espositivo verrà inaugurato il 14 novembre alla Biblioteca Comunale di Jesi, all'interno della suggestiva Sala Planettiana di Palazzo della Signoria: i documenti esposti spaziano dall'astronomia all'astrologia, dalle profezie all'alchimia.

Leggi tutto »

10.11.2019

MUSEO NAZIONALE 150 opere d'arte della storia d'Italia

Museo Nazionale 150 opere d'arte

MUSEO NAZIONALE
150 opere d'arte della storia d'Italia

Un museo virtuale che raccoglie 150 capolavori dell'arte italiana selezionati e commentati da archeologi, storici dell'arte e critici
A cura di Monica D'Onofrio

In libreria dal 14 novembre

Leggi tutto »

09.11.2019

TUMARANKÉ IO NON ODIO

IO NON ODIO presenta TUMARANKÉ

IO NON ODIO presenta TUMARANKÉ
Il film documentario collettivo che vede protagonisti i migranti minori non accompagnati residenti a Siracusa
12 novembre ore 9.30 - Cinema Multisala Giulio Cesare (Viale Giulio Cesare, 229 - Roma)
13 novembre ore 9.30 -  IIS Pontecorvo (Via XXIV Maggio n. 106 - Pontecorvo, FR)

Leggi tutto »

08.11.2019

Premio Metauro 2019 al Monastero di Montebello

Premio Metauro al Monastero di Montebello

Cerimonia al Monastero di Montebello (Isola del Piano), dove una giuria popolare decreterà il vincitore tra i 3 finalisti selezionati dalla giuria tecnica presieduta dal poeta urbinate Umberto Piersanti
Sabato 9 novembre si assegnerà il “Premio letterario Metauro”, alla XXVI edizione

Leggi tutto »