Ti trovi in:  Inizio > Libri – Catalogo ragionato di Turi Simeti

 

LIBRI

 

Catalogo ragionato di Turi Simeti

Il percorso artistico di Turi Simeti (Alcamo, 1929) è caratterizzato da un estremo rigore e immutata coerenza, che in oltre cinquant’anni di lavoro non è mai venuta meno. Il Catalogo ragionato, appena dato alle stampe da Skira Editore, è la maggiore testimonianza sino ad ora dedicata alle opere e all’impegno di Turi Simeti.

MILANO, PALAZZO REALE - SALA CONFERENZE, MARTEDÌ 5 DICEMBRE 2017, ORE 19.00 

PRESENTAZIONE DEL CATALOGO RAGIONATO DELL’OPERA DI TURI SIMETI - Skira Editore

catalogo ragionato turi simeti

Intervengono:

Domenico PIRAINA, direttore di Palazzo Reale

Antonio ADDAMIANO e Federico SARDELLA, curatori del Catalogo ragionato

Francesco TEDESCHI, ordinario di Storia dell'arte contemporanea, Università Cattolica di Milano

Modera: Natacha CARRON, curatrice e critico d’arte

Sarà presente l’artista
 

Realizzato dall’Archivio Turi Simeti, curato da Antonio Addamiano e Federico Sardella, la pubblicazione, in due tomi e in edizione bilingue (italiano-inglese; pp. 920; € 280,00), il Catalogo ragionato sarà presentato a Milano, martedì 5 dicembre, alle ore 19.00, a Palazzo Reale (Sala Conferenze). In collaborazione con Park Hyatt Milano.


Parteciperanno all’incontro, Domenico Piraina, direttore di Palazzo Reale, i curatori del Catalogo ragionato Antonio Addamiano e Federico Sardella, Francesco Tedeschi, professore ordinario di Storia dell'arte contemporanea all’Università Cattolica di Milano; modera la curatrice e critico d’arte Natacha Carron.

Sarà presente Turi Simeti.


Concepiti con la collaborazione diretta dell’artista e la supervisione di Essila Burello, i due volumi offrono un resoconto su oltre cinquant’anni di lavoro, pubblicando per la prima volta una serie di importanti immagini e documenti inediti.

Il Catalogo ragionato di Turi Simeti, che comprende quasi duemila opere su tela realizzate a partire dal 1960, oltre a fare il punto su quanto registrato presso l’Archivio Turi Simeti, offre uno spaccato insolito su una produzione apparentemente lineare che, al suo interno, riserva invece continue e inattese scoperte.

 
Il Primo tomo si presenta come un’ampia monografia che, in una scansione cronologica che procede di anno in anno sino al presente, colloca l’opera di Turi Simeti all’interno del panorama artistico internazionale, con l’ausilio di un ricco apparato iconografico che illustra sia i lavori e le installazioni sia numerosi documenti inediti quali lettere, progetti, scritti, manifesti, inviti e testimonianze fotografiche dei dipinti inseriti in contesti espositivi personali o collettivi, oltre a offrire una serie di informazioni dettagliate riguardanti il percorso artistico, espositivo e bibliografico, arricchito da un’antologia critica che comprende i principali testi dedicati a Simeti.

Il Secondo tomo, ugualmente organizzato in senso cronologico, illustra quasi duemila lavori realizzati fra il 1960 e il 2016, ciascuno accompagnato da una scheda con le caratteristiche delle opere e le informazioni relative al percorso espositivo e bibliografico, delle quali si troverà riscontro sia nell’ampia cronologia Turi Simeti 1929-2017 che negli apparati inclusi nel Primo tomo.

 

Turi Simeti è nato ad Alcamo (TP) nel 1929; nel 1958 si trasferisce a Roma, dove avvia i primi contatti con il mondo dell’arte. Avrà poi modo di soggiornare a Londra, Parigi, Basilea e New York, entrando così in contatto con l’avanguardia artistica dell’epoca e muovendosi in sintonia con la dilagante volontà di azzeramento della tradizione e dei codici precostituiti. All’interno di questa rigorosa aspirazione riduzionista, il suo linguaggio acquista una definita riconoscibilità attraverso l’uso della monocromia e del rilievo come uniche procedure compositive. Compare così la figura dell’ellisse, destinata a diventare la cifra iconica dell’artista e la forma che emblematicamente esprime il sentimento attorno al quale, ancora oggi, si sviluppa e si dispiega il suo processo creativo.

Le sue opere sono conservate in importanti collezioni pubbliche e private in tutto il mondo, fra le quali sono da ricordare: Fondazione Prada, Milano; Galleria Civica d’Arte  Moderna e Contemporanea, Torino; Museion - Museo d’Arte Moderna e Contemporanea, Bolzano; Museo del Novecento, Milano; Museo Civico d’Arte Contemporanea Ludovico Corrao, Gibellina; Museu de Arte Moderna, Rio de Janeiro; Kunsten Museum of Modern Art, Aalborg, Danimarca; Fondazione Schaufler, Sindelfingen, Germania; Museum Voorlinden, Wassenar, Paesi Bassi.

Turi Simeti vive e lavora a Milano.


Presentazione del Catalogo ragionato di TURI SIMETI

Milano, Palazzo Reale - sala conferenze (3° piano), piazza Duomo 14

Martedì 5 dicembre 2017, ore 19.00

Ingresso libero
______________________________ ___

Turi Simeti. Catalogo Ragionato

Skira editore

Collana: Archivi dell’arte moderna; pp. 920; € 280,00; Offerta Web: € 180,00 su www.skira.net

Ufficio stampa

CLP Relazioni Pubbliche | Anna Defrancesco | T. 02 36 755 700 | anna.defrancesco@clponline.it | www.clponline.it

Ufficio stampa Skira

Lucia Crespi | T. 02 89415532 | lucia@luciacrespi.it

 

 

 

 

 

Ultimi aggiornamenti:

18.01.2018

Concerto dei Dirotta Su Cuba al Teatro Splendor di Aosta

Chi non li ricorda o non conosce un loro pezzo. Negli anni Novanta la musica funky in Italia, improvvisamente, esplose con i Dirotta su Cuba. Brani come Gelosia, Liberi di liberi da, cantati dalla splendida voce di Simona Bencini, ebbero un successo enorme, durato fino al nuovo millennio.

Leggi tutto »

18.01.2018

Otto Frank, father of Anne di David de Jongh

In ricorrenza del Giorno della Memoria, sarà proiettato il film di David de Jongh dal titolo: 'Otto Frank, padre di Anna”. (Paesi Bassi, 2010, 75')

Leggi tutto »

17.01.2018

Trecentosessantacinque d’arte. Pino Pocopio

Venerdì 19 Gennaio alle ore 18:30 sarà inaugurata, all’interno dello spazio espositivo Tacconi Art Space delle Grafiche Tacconi di Ascoli Piceno, in collaborazione con L’Idioma Centro d’Arte, la mostra di Pino Procopio Trecentosessantacinqu e d’arte, a cura di Giuseppe Bacci.

Leggi tutto »

17.01.2018

Wildlife Photographer of the Year Forte di Bard.

Sarà il Forte di Bard, dal 16 febbraio al 10 giugno 2018, a presentare l'anteprima italiana della 53esima edizione del Wildlife Photographer of the Year, il più importante riconoscimento dedicato alla fotografia naturalistica promosso dal Natural History Museum di Londra. La spettacolare roccaforte all'ingresso della Valle d'Aosta ospita per il nono anno consecutivo, la prima tappa del tour italiano della mostra che ogni anno premia gli scatti più belli del mondo animale e vegetale.

Leggi tutto »

17.01.2018

Contrasti 2 Marco Fattori - Giuliano Cotellessa Dal 20 al 26 gennaio 2018

RespirArt è lieta di presentare la seconda edizione di Contrasti, bipersonale di due artisti abruzzesi a confronto: Marco Fattori e Giuliano Cotellessa, a cura di Berardo Montebello. L'inaugurazione si terrà sabato 20 gennaio alle ore 18.00 a Giulianova in Corso Garibaldi 30, con l'intervento del Professor Sandro Melarangelo. Seguirà l’esibizione del jazzista britannico internazionale Geoff Warren sulle composizioni del Professor Stefano Taglietti.

Leggi tutto »

15.01.2018

Luci del Nord. IMPRESSIONISMO IN NORMANDIA

L'Impressionismo ha lasciato una traccia profonda nella storia dell'arte muovendo i suoi passi in Francia a partire dalla seconda metà dell'Ottocento, e proprio da questi inizi prende movimento la mostra evento "Luci del Nord. IMPRESSIONISMO IN NORMANDIA", dal 3 febbraio al 17 giugno al Forte di Bard.

Leggi tutto »

15.01.2018

StArt_ Studi per l'Arte: terza fase

Dong Jinnge, Alice Faloretti, Adelisa Selimbasic, Caterina Casellato, Niccolò Masiero Sgrinzatto, Giovanna Bonenti, Cristiano Vettore, Gianni D'Urso, Beatrice Gelmetti, Chiara Principe sono i giovani finalisti selezionati a dicembre.

Leggi tutto »

13.01.2018

I presepi artistici del Trentino Alto Adige messaggeri di pace

23 opere d'arte, realizzate dagli artigiani scultori del Trentino Alto Adige dall'1 gennaio sono esposte per la prima volta al pubblico a Mosca, nella Cattedrale ortodossa di Cristo Salvatore, dove si potranno ammirare fino al prossimo 28 febbraio.

Leggi tutto »