Ti trovi in:  Inizio > Libri – Gianluca Fortini, L'arto della guerra

 

LIBRI

 

Gianluca Fortini, L'arto della guerra

«Stavo veramente a terra quando lo vidi, attraversavo piazza dei Martiri non ricordo più per andare dove. Erano le 20.27 di mercoledì 14 ottobre. Lo ricordo bene. Poche date hanno valore per me, e questa è una di quelle. Si stava chinando per prendere le sigarette all’automatico, e io quel culo lì lo avrei riconosciuto fra mille.

Era il culo del nostro sindaco. Pensavo che il sindaco girasse con la scorta, non avrei mai immaginato di vederlo chino all’automatico a prendere le paglie. Ed era solo. Mi guardai intorno. Era completamente solo. Lo vidi afferrare con una mano il pacchetto, mentre con l’altra era lì che ravanava in cerca del resto. Fu in quell’istante che gli fui accanto e fu dieci passi prima che capii di trovarmi davanti all’occasione della vita, entrai in modalità David Beckham, pronto a battere la punizione del secolo...»


È in libreria da oggi il romanzo d'esordio del bolognese Gianluca Fortini, L'arto della guerra, la storia grottesca e divertente «di come sia possibile rinascere a forza di calci nel sedere ben assestati...»

L'arto della guerra_ di Gianluca Fortini_ NovitàGianluca Fortini, L'arto della guerra
Pagine: 112
Isbn: 9788898605712
€ 12,00
Collana: Fernandel

L’arto della guerra racconta la vera storia del “Piazzatore”. L’arto in questione è il piede, e la guerra è quella dichiarata dal protagonista nei confronti del prossimo piazzando calci nel culo a destra e a manca, cosa che ben presto trasformerà un giovane analfabeta funzionale affetto da dislessia nell’uomo più temuto dai felsinei, incubo delle forze dell’ordine e nemico giurato della giunta comunale.
Il punto di svolta infatti è il calcio nel sedere con cui il protagonista colpisce il sindaco, così potente da fargli perdere i sensi. Da quel momento i giornali inizieranno a parlare di lui ribattezzandolo “il Piazzatore”, dandogli una grande popolarità e la consapevolezza di essere diventato un uomo nuovo, lontano da quella condizione di lassismo e fatalismo in cui aveva vissuto fino ad allora.
Un romanzo che racconta come sia possibile rinascere a forza di calci nel sedere ben assestati. 

Gianluca Fortini_ NovitàGianluca Fortini è nato nel 1980 a Bologna, dove vive. Questo è il suo primo romanzo.

L'incipit:
La luce del primo mattino filtrava dalla tapparella abbassata colpendomi dritto in faccia.
Detestavo la luce del primo mattino. Detestavo la luce in generale, ma quella del primo mattino in particolare. Il mattino è fatto per chi ha uno scopo, per chi ha un lavoro, una carriera. Il mattino ha loro, in bocca. Io non c’entravo niente. Ma la tapparella della mia vecchia stanza a casa dei miei era rotta da tempo, non si chiudeva del tutto, e la luce flirtava. Se la intendevano, quei due. Era un complotto per svegliarmi.
Rubiconda se n’era andata, e non serviva a nulla commiserarsi. Quando se n’era andata avevo bruciato tutte le sue cose, ma lei tornava sempre. Rivedevo i suoi capelli rossi, d’un rosso da esaltarla, quella pelle chiara; rivedevo le lentiggini, che le esaltavano gli occhi chiari; rivedevo il leggero rossore delle gote, che le esaltava il sorriso sottile. Tutto esaltava, in lei. Allora scendevo lungo il suo corpo nudo, quando ancora l’accarezzavo e la contemplavo e lei lo sapeva che ero suo, che mi aveva in pugno. Nessuna donna dovrebbe mai saperlo, ma lei lo sapeva e io ero suo e scivolavo lungo quel corpo, quei seni sodi, piccoli; un neo le macchiava il capezzolo sinistro e sì, anche quel neo esaltava, esaltava 8 i seni chiari, sodi, piccoli, la mia fantasia, la mia bocca, e allora scivolavo tra quei seni e poi giù lungo il ventre, in mezzo alle gambe aveva conservato soltanto un filo del colore dei capelli e io lo guardavo, lo guardavo un istante, ogni volta mi fermavo e lo guardavo un istante, poi lo baciavo e sentivo il sangue salirmi alle tempie, non capivo più niente, mi tuffavo e lei ansimava ed era bellissimo e venivo tra quelle coperte, nel letto della mia vecchia stanza a casa dei miei, ora che lei non c’era più. Non mi restava che quello. E mi svegliavo.
 

Presentazioni già fissate: 
Bologna, libreria Trame, sabato 10 febbraio alle ore 12
Ravenna, libreria Liberamente, sabato 24 febbraio alle ore 18 

 

Casa Editrice Fernandel
via Carraie, 58 - 48121 Ravenna
Tel. 0544 401290 - Fax 0544 1930153
e-mail: fernandel@fernandel.it
web: www.fernandel.it  

 

 

 

 

 

 

 

Ultimi aggiornamenti:

27.05.2020

Alberto Giacometti al museo di Chiasso

mostre_alberto-giacometti-1901-1966

 

Al m.a.x. museo di Chiasso (Svizzera) dal 9 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
ALBERTO GIACOMETTI 

L’esposizione presenta il suo intero corpus grafico, con oltre 400 fogli, tra xilografie, incisioni a bulino, acqueforti, puntesecche, e numerosi libri d’artista.

Leggi tutto »

26.05.2020

UnitedWeStand con Sherol Dos Santos

Sherol Dos Santos Foto Luca Perazzolo

 

Sherol Dos Santos per #UnitedWeStand promosso da Regione Lazio tramite Lazio Innova
con Noemi, Massimo Bonelli, Lorenzo Sciarretta, Maila Sansaini e molti altri 
modera Gianluca Dotti di Wired

Mercoledì 27 maggio ore 18.00, diretta Facebook

Mercoledì 27 maggio alle ore 18:00, in diretta Facebook, Gianluca Dotti di Wired modera il mini talk dal titolo “#UnitedWeStand: amplificare, innovare, supportare lo spettacolo dal vivo”: ospiti musicali Noemi e Sherol Dos Santos.

Leggi tutto »

21.02.2020

Concerto dell' Alma sax quartet

Alma Sax Quartet, quartetto di sassofoni composto da Simone Bellagamba, Francesco Desideri, Andrea Leonardi e Andrea Piccione, rispettivamente al sax soprano, sax tenore, sax baritono e sax contralto.

Domenica 23 febbraio presso l’Aula Magna del Convitto Nazionale “M. Delfico” di Piazza Dante a Teramo, alle 17,30, nuovo appuntamento della XXVI Stagione Concertistica organizzata dall’Associazione Orchestrale da Camera “Benedetto Marcello”.

Leggi tutto »

21.02.2020

LIVE MUSEUM, LIVE CHANGE Sonia Andresano con Permesso di sosta

LIVE MUSEUM, LIVE CHANGE Sonia Andresano con Permesso di sosta

LIVE MUSEUM, LIVE CHANGE
Sonia Andresano con Permesso di sosta e fermata prosegue gli atelier artistici presso i Mercati di Traiano. Dal 21 febbraio 2020, ai Mercati di Traiano, Via Quattro Novembre 94, Roma

Leggi tutto »

21.02.2020

FLASHBACK 2020 I Ludens 

FLASHBACK, l’arte è tutta contemporanea. Edizione 2020, I Ludens 

Al via l’ottavo anno di Flashback: aprono le application della fiera e si inaugura il programma annuale sul territorio. Tante le novità che ci trasportano su quel “medesimo orizzonte degli eventi” dove l’arte è tutta contemporanea e cultura e mercato fanno parte della stessa equazione.

Leggi tutto »

20.02.2020

Leonardo da Vinci e Guido da Vigevano a Milano

Leonardo da Vinci, Studio anatomico di gambe pietra rossa, penna e inchiostro scuro su carta bianca con preparazione rossa sul recto © Veneranda Biblioteca Ambrosiana / Mondadori Portfolio

L’esposizione pone a confronto i modi di raffigurazione anatomica di due geni del passato, attraverso le riproduzioni del capolavoro di Guido da Vigevano, Anothomia designata per figuras, e di alcuni fogli di Leonardo da Vinci che evidenziano l’evoluzione dei suoi studi sul corpo umano.

Leggi tutto »

19.02.2020

L’ultimo romantico a Mamiano di Traversetolo

Dal 14 marzo al 12 luglio 2020, la Fondazione Magnani-Rocca, col titolo “L’ultimo romantico”, propone un ricchissimo omaggio espositivo al suo Fondatore, e lo fa nella dimora che Luigi Magnani trasformò in una casa-museo sontuosa e sorprendente, la ‘Villa dei Capolavori’ a Mamiano di Traversetolo, nel parmense.

Dal 14 marzo al 12 luglio 2020, la Fondazione Magnani-Rocca, col titolo “L’ultimo romantico”, propone un ricchissimo omaggio espositivo al suo Fondatore, e lo fa nella dimora che Luigi Magnani trasformò in una casa-museo sontuosa e sorprendente, la ‘Villa dei Capolavori’ a Mamiano di Traversetolo, nel parmense.

Leggi tutto »

19.02.2020

Flora dolomitica: 50 fiori da conoscere nel Patrimonio Unesco

Flora dolomitica  50 fiori da conoscere nel Patrimonio Unesco

Le 50 specie floristiche più significative delle Dolomiti, con schede, mappe di distribuzione, curiosità e meravigliose immagini, in una fruttuosa collaborazione tra la Fondazione Dolomiti UNESCO e la Fondazione Museo Civico di Rovereto.

Leggi tutto »

18.02.2020

Presentato il libro di Marcello Filotei L'ultima estate

Presentato il libro di Marcello Filotei "L'ultima estate"

Serata organizzata dalla Fondazione Campana dei Caduti

Presentato il libro di Marcello Filotei "L'ultima estate"
Una serata sul filo dell'emozione quella vissuta ieri presso la Sala degli Specchi di Rovereto.

Leggi tutto »

12.02.2020

Patrizia Laquidara C’è qui qualcosa che ti riguarda

Patrizia Laquidara

Il nuovo live di Patrizia Laquidara, definita dalla critica “un’autrice capace di rinnovare la canzone d’autore” e “una delle voci più intense e liriche della nostra musica cosiddetta leggera”, prende il nome dal suo ultimo album C’è qui qualcosa che ti riguarda, inserito nel maggio 2019 nella cinquina del Premio Tenco come miglior album.

Leggi tutto »

12.02.2020

Martina Galletta in Permette? Alberto Sordi

Martina Galletta

Nell'anno in cui si festeggia un secolo di Federico Fellini, sarà Martina Galletta a dare volto, voce e corpo alla sua amata Giulietta Masina nel film ‘Permette? Alberto Sordi’, coproduzione Rai Fiction – Ocean Productions, di Luca Manfredi con Edoardo Pesce, prossimamente su Rai 1 e al cinema il 24, 25 e 26 febbraio.

Leggi tutto »

12.02.2020

Nero di seppia su tela di Franco Paolini

“Nero di seppia su tela”, mostra dell’artista - marittimo Franco Paolini, in arte “Prichiò”

Si apre sabato 15 febbraio alle 17 alla Palazzina Azzurra di San Benedetto del Tronto (AP) “Nero di seppia su tela”, mostra dell’artista - marittimo Franco Paolini, in arte “Prichiò”.

Leggi tutto »