Ti trovi in:  Inizio > Libri – Gianluca Fortini, L'arto della guerra

 

LIBRI

 

Gianluca Fortini, L'arto della guerra

«Stavo veramente a terra quando lo vidi, attraversavo piazza dei Martiri non ricordo più per andare dove. Erano le 20.27 di mercoledì 14 ottobre. Lo ricordo bene. Poche date hanno valore per me, e questa è una di quelle. Si stava chinando per prendere le sigarette all’automatico, e io quel culo lì lo avrei riconosciuto fra mille.

Era il culo del nostro sindaco. Pensavo che il sindaco girasse con la scorta, non avrei mai immaginato di vederlo chino all’automatico a prendere le paglie. Ed era solo. Mi guardai intorno. Era completamente solo. Lo vidi afferrare con una mano il pacchetto, mentre con l’altra era lì che ravanava in cerca del resto. Fu in quell’istante che gli fui accanto e fu dieci passi prima che capii di trovarmi davanti all’occasione della vita, entrai in modalità David Beckham, pronto a battere la punizione del secolo...»


È in libreria da oggi il romanzo d'esordio del bolognese Gianluca Fortini, L'arto della guerra, la storia grottesca e divertente «di come sia possibile rinascere a forza di calci nel sedere ben assestati...»

L'arto della guerra_ di Gianluca Fortini_ NovitàGianluca Fortini, L'arto della guerra
Pagine: 112
Isbn: 9788898605712
€ 12,00
Collana: Fernandel

L’arto della guerra racconta la vera storia del “Piazzatore”. L’arto in questione è il piede, e la guerra è quella dichiarata dal protagonista nei confronti del prossimo piazzando calci nel culo a destra e a manca, cosa che ben presto trasformerà un giovane analfabeta funzionale affetto da dislessia nell’uomo più temuto dai felsinei, incubo delle forze dell’ordine e nemico giurato della giunta comunale.
Il punto di svolta infatti è il calcio nel sedere con cui il protagonista colpisce il sindaco, così potente da fargli perdere i sensi. Da quel momento i giornali inizieranno a parlare di lui ribattezzandolo “il Piazzatore”, dandogli una grande popolarità e la consapevolezza di essere diventato un uomo nuovo, lontano da quella condizione di lassismo e fatalismo in cui aveva vissuto fino ad allora.
Un romanzo che racconta come sia possibile rinascere a forza di calci nel sedere ben assestati. 

Gianluca Fortini_ NovitàGianluca Fortini è nato nel 1980 a Bologna, dove vive. Questo è il suo primo romanzo.

L'incipit:
La luce del primo mattino filtrava dalla tapparella abbassata colpendomi dritto in faccia.
Detestavo la luce del primo mattino. Detestavo la luce in generale, ma quella del primo mattino in particolare. Il mattino è fatto per chi ha uno scopo, per chi ha un lavoro, una carriera. Il mattino ha loro, in bocca. Io non c’entravo niente. Ma la tapparella della mia vecchia stanza a casa dei miei era rotta da tempo, non si chiudeva del tutto, e la luce flirtava. Se la intendevano, quei due. Era un complotto per svegliarmi.
Rubiconda se n’era andata, e non serviva a nulla commiserarsi. Quando se n’era andata avevo bruciato tutte le sue cose, ma lei tornava sempre. Rivedevo i suoi capelli rossi, d’un rosso da esaltarla, quella pelle chiara; rivedevo le lentiggini, che le esaltavano gli occhi chiari; rivedevo il leggero rossore delle gote, che le esaltava il sorriso sottile. Tutto esaltava, in lei. Allora scendevo lungo il suo corpo nudo, quando ancora l’accarezzavo e la contemplavo e lei lo sapeva che ero suo, che mi aveva in pugno. Nessuna donna dovrebbe mai saperlo, ma lei lo sapeva e io ero suo e scivolavo lungo quel corpo, quei seni sodi, piccoli; un neo le macchiava il capezzolo sinistro e sì, anche quel neo esaltava, esaltava 8 i seni chiari, sodi, piccoli, la mia fantasia, la mia bocca, e allora scivolavo tra quei seni e poi giù lungo il ventre, in mezzo alle gambe aveva conservato soltanto un filo del colore dei capelli e io lo guardavo, lo guardavo un istante, ogni volta mi fermavo e lo guardavo un istante, poi lo baciavo e sentivo il sangue salirmi alle tempie, non capivo più niente, mi tuffavo e lei ansimava ed era bellissimo e venivo tra quelle coperte, nel letto della mia vecchia stanza a casa dei miei, ora che lei non c’era più. Non mi restava che quello. E mi svegliavo.
 

Presentazioni già fissate: 
Bologna, libreria Trame, sabato 10 febbraio alle ore 12
Ravenna, libreria Liberamente, sabato 24 febbraio alle ore 18 

 

Casa Editrice Fernandel
via Carraie, 58 - 48121 Ravenna
Tel. 0544 401290 - Fax 0544 1930153
e-mail: fernandel@fernandel.it
web: www.fernandel.it  

 

 

 

 

 

 

 

Ultimi aggiornamenti:

20.01.2020

Federico Fellini viene ricordato a Palazzo Reale di Milano

Federico Fellini viene ricordato a Palazzo Reale di Milano

Nel giorno del centenario della nascita del maestro. Palazzo Reale di Milano ospita un importante convegno con la partecipazione degli eredi, degli amici e di coloro che hanno amato Federico Fellini

Palazzo Reale Sala Conferenze - 3° piano Piazza Duomo, 14
Milano Lunedì 20 gennaio 2020 

 

Leggi tutto »

20.01.2020

Premio ANGAMC 2020 - Roberto Casamonti

Antologia_Arte_Moderna_e_Contemporanea_2020_installation_view_Tornabuoni

Premio ANGAMC 2020. Presentazione - Sabato 25 gennaio 2020 Arte Fiera, Padiglione 18, Spazio Talk | Bologna

È Roberto Casamonti, fondatore della Tornabuoni Arte, il vincitore del Premio ANGAMC 2020, riconoscimento teso a valorizzare il ruolo e la carriera di un gallerista, affiliato all'Associazione Nazionale Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea, distintosi nel panorama italiano per meriti umani e professionali.

Leggi tutto »

20.01.2020

Antigone la difficilissima storia della vita di Ciccio Speranza S’Accabadora

ROMA FRINGE FESTIVAL 2020 - Finale e premiazioni

ROMA FRINGE FESTIVAL 2020 - Finale e premiazioni
Il 24 gennaio 2020, al Teatro Vascello, la finale e le premiazioni del Roma Fringe Festival 2020. In scena: Antigone, del Collettivo Imperfetto di Roma, La difficilissima storia della vita di Ciccio Speranza, di Les Moustaches di Bergamo, S’Accabadora, di Anfiteatro Sud di Cagliari 

Leggi tutto »

17.01.2020

Empatia letture da Ballardismo Applicato di Simon Sellars

Empatia  letture da Ballardismo Applicato di Simon Sellars

Empatia sabato 18 gennaio ore 18.30
Serata di letture da «Ballardismo Applicato» di Simon Sellars  (Not | NERO)
intervengono: Luciano Funetta | Maestro di Cerimonie - The biggest | Ai piatti - I lettori di Empatia

Leggi tutto »

17.01.2020

La sottile magia delle incisioni - Carlo Iacomucci

LA SOTTILE MAGIA DELLE INCISIONI DEL MAESTRO CARLO  IACOMUCCI

“ LA SOTTILE MAGIA DELLE INCISIONI” DEL MAESTRO CARLO  IACOMUCCI

Evento a cura della prof.ssa Amneris Ulderigi, in collaborazione con Caterina Garofoli che metteranno in luce l'Arte bella del maestro Carlo Iacomucci, come incisore e pittore.

Vernissage sabato 18 gennaio 2020- ore 17,15  CASA VINICOLA G. GAROFOLI, Via Carlo Marx 123- Villa Musone-CASTELFIDARDO .

Leggi tutto »

17.01.2020

Musei da vivere a febbraio 2020

Musei da vivere

Musei da vivere - appuntamenti di febbraio 2020

L’Assessorato Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali della Regione autonoma Valle d’Aosta, nell’ambito dell’offerta culturale per il MAR - Museo Archeologico Regionale e per l’Area Megalitica - Parco e museo archeologico di Saint-Martin-de-Corléans di Aosta, denominata Musei da vivere, comunica gli appuntamenti in programma per il mese di febbraio 2020.

Leggi tutto »

17.01.2020

Arte antica e contemporanea a confronto da Francesco da Rimini a Lucio Fontana

La ferita tra umano e divino

LA FERITA TRA UMANO E DIVINO - Arte antica e contemporanea a confronto da Francesco da Rimini a Lucio Fontana a cura di Andrea Dall’Asta e Sara Tassi dal 30 novembre 2019 al 29 febbraio 2020 con inaugurazione sabato 30 novembre ore 18. Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, Palazzo Bisaccioni, Jesi (AN)

Leggi tutto »

15.01.2020

Il Pipistrello di Johann Strauss ad Aosta

Il Pipistrello di Johann Strauss ad Aosta

Il Pipistrello di Johann Strauss

L’Assessorato regionale del Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali, nell’ambito della Saison Culturelle 2019/2020, presenta, martedì 21 gennaio 2020, alle ore 21, al Teatro Splendor di Aosta, l’operetta Il Pipistrello, della compagnia Corrado Abbati.

Leggi tutto »

15.01.2020

Parma Capitale Italiana della Cultura 2020

Capitale Italiana della Cultura 2020

L’itinerario nei luoghi imperdibili della Capitale Italiana della Cultura 2020 e del suo territorio, tra arte, gastronomia ed eventi.

Parma ha appena inaugurato il suo anno giallo oro di Capitale Italiana della Cultura 2020.

Leggi tutto »

15.01.2020

La fuga in Egitto e altre storie a Cremona, Orazio Gentileschi

ORAZIO GENTILESCHI_ La fuga in Egitto

ORAZIO GENTILESCHI. La fuga in Egitto e altre storie
Mostra a cura di Mario Marubbi 14 Marzo 2020 - 21 Giugno 2020 a Cremona, Pinacoteca Ala Ponzone

Leggi tutto »

15.01.2020

MODENANTIQUARIA. XXXIV edizione

Modenantiquaria 2020

 

Modenantiquaria 2020: un progetto ambizioso e ricercato sinonimo d’Eccellenza.
Dall’8 al 16 febbraio a ModenaFiere ritorna Modenantiquaria e la sua XXXIV Edizione.

Leggi tutto »

13.01.2020

Stefano Pellegrino in arte Pelle

Quadraro Basement lancia PELLE

Quadraro Basement lancia PELLE - Musica urbana nel singolo d’esordio 23:23
In uscita il 15 gennaio 2020

Dopo aver lanciato artisti come Noyz Narcos, Baby K, Capo Plaza, Quadraro Basement, l’etichetta del rap underground indipendente dal 2005, torna con un nuovo artista, destinato a farsi ascoltare dagli amanti della musica Urban e non solo: Pelle.

Leggi tutto »