Ti trovi in:  Home

 

 

  

 

ARTICOLI RECENTI

 

Aztechi, Maya e Inca giocavano a calcio molto prima degli europei

Aztechi, Maya e Inca giocavano a calcio molto prima degli europei

Aztechi, Maya e Inca giocavano a calcio molto prima degli europei, con tanto di tifo e di scommesse.
A Faenza, in mostra gli "antenati" di Ronaldo e Messi

 

A Faenza, la spettacolare mostra che il MIC Museo Internazionale delle Ceramiche dedica a "Aztechi, Maya, Inca e le culture dell'antica America" (dall'11 novembre al 28 aprile prossimi, a cura di Antonio Aimi e Antonio Guarnotta) stupirà i visitatori non soltanto per la strepitosa bellezza e raffinatezza delle ceramiche esposte - veri e proprio capolavori d'arte - ma anche per i molti, curiosi spunti di approfondimento che arricchiscono l'esposizione.


Uno dei più curiosi riguarda l'invenzione del gioco con la palla, che può essere considerato progenitore del nostro calcio e di tutti gli sport in cui si usa una palla che rimbalza.
Infatti negli altri giochi dell'antichità e degli altri continenti che potrebbero rivendicare un legame analogo si usavano palle che non rimbalzavano.


Lo illustra, nel catalogo edito da Silvana che accompagna la mostra, Antonio Aimi. "Il gioco della palla - scrive Aimi - era presente in molte culture dell'antica America, dalla Mesoamerica alle Ande Meridionali, dall'Area Intermedia all'Amazzonia, ma non nell'Area Peruviana. Quello praticato nella Mesoamerica può essere considerato il gioco a squadra più antico del mondo, che aveva una centralità sconosciuta altrove e che ha lasciato monumenti impressionanti (il campo da gioco di Chichen Itza è lungo 168 metri) e paraphernalia straordinari.


Il gioco della palla poteva essere praticato - continua il prof. Aimi - in spazi aperti o in costruzioni apposite, gli sferisteri, strutture allungate a forma di "I", che erano delimitati o da bassi muretti o da grandi costruzioni con pareti inclinate o verticali, in cui, a partire dall'Epiclassico, erano inseriti degli anelli. Il terreno degli sferisteriera diviso a metà dai marcadores che delimitavano il campo di ogni squadra. Il gioco era la reiterazione di eventi dei miti cosmogonici di cui erano stati protagonisti gli eroi culturali e gli stessi dei....


Pur essendo nato come rituale religioso, nel corso del tempo il gioco della palla acquisì sempre più una componente profana, tant'è vero che le cronache riferiscono che alla vigilia della Conquista le partite erano accompagnate da un "tifo" appassionato e da numerose scommesse".
Ma come si svolgevano quelle partite? I palloni usati erano più piccoli degli attuali. Il loro diametro non superava i 15 centimetri. La palla poteva essere colpita solo con le anche, le cosce o le ginocchia e ogni squadra doveva rinviare la palla nel campo degli avversari senza farla uscire dallo sferisterio, né farle toccare il terreno. Vinceva chi, commettendo meno errori, arrivava a totalizzare per prima un determinato punteggio.


Ma quelle antiche partite anticipano anche altri sport di oggi. ad esempio la pallacanestro. Se, infatti, nel corso delle partite una squadra riusciva a far passare la palla attraverso gli anelli, che, a partire dal Postclassico erano stati collocati ai lati del campo, vinceva ipso facto la partita. 
"Nel corso di circa 3000 anni di storia mesoamericana si sono sviluppate -sottolinea l'esperto - diverse varianti del gioco. Nella regione dell'Oaxaca si usava una palla di piccole dimensioni che veniva lanciata con guanti pesanti, nell'Area Maya si giocava anche con una palla di grandi dimensioni (circa un metro di diametro) fatta, probabilmente, di una pelle gonfiata. A Teotihuacan, la grande metropoli che dominò la Valle del Messico durante il Periodo Classico, pare che esistessero anche altri due modi di giocare.

Il primo prevedeva di colpire la palla coi piedi, il secondo con una mazza e veniva praticato in un terreno aperto delineato da marcadores verticali, mobili e componibili, che, una volta assemblati, sembravano colonne sormontate da una sfera e da un cerchio". Come a dire, nulla di nuovo sotto il sole dello sport!

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza
Viale Baccarini n°19
48018 Faenza (RA)

tel. +39 (0)546 697311
fax +39 (0)546 27141
info@micfaenza.org

Ufficio Stampa
Studio ESSECI di Sergio Campagnolo
tel. 049663499
Referente Simone Raddi: gestione2@studioesseci.net

 

 

 

 

Ultimi aggiornamenti:

05.12.2019

Paesaggi di parole. Dai carteggi di Carlo Fornara

Paesaggi di parole. Dai carteggi di Carlo Fornara

Paesaggi di parole. Dai carteggi di Carlo Fornara Visita guidata e lettura teatrale Aosta, Museo Archeologico Regionale Giovedì 12 dicembre 2019 ore 17

Paesaggi di parole. Dai carteggi di Carlo Fornara
Visita guidata e lettura teatrale
Aosta, Museo Archeologico Regionale - Giovedì 12 dicembre 2019 ore 17

Leggi tutto »

04.12.2019

Avic30Photocontest al Forte di Bard

Avic30Photocontest al Forte di Bard

Avic30Photocontest - Cerimonia di premiazione e inaugurazione mostra fotografica
Forte di Bard, venerdì 6 dicembre, ore 18

 Nell’ambito delle celebrazioni del trentennale del Parco naturale Mont Avic, venerdì 6 dicembre 2019, alle ore 18 al Forte d Bard, avrà luogo la cerimonia di premiazione, presentata da Emanuele Biggi, co-conduttore di Geo RAI 3, e l’inaugurazione della mostra fotografica Avic30Photocontest, concorso internazionale di fotografia naturalistica.

Leggi tutto »

02.12.2019

Kidsbit roma i bambini progettano

kidsbit roma i bambini progettano

KIDSBIT ROMA
Festival di Arte, Ambiente e Tecnologia 
Bambini e ragazzi progettano il futuro a INDUSTRIE FLUVIALI - Il nuovo Ecosistema Cultura di Roma
Sabato 7 dicembre 2019 ore 11.00-20.00, Domenica 8 dicembre, ore 10.00–19.00
Industrie Fluviali, Via del Porto Fluviale 35

Leggi tutto »

01.12.2019

Premio Paolo Prodi 2019 a Trento

Premio paolo prodi 2019

Giornata in memoria del fondatore dell’Istituto Storico Italo-germanico e il riconoscimento a Vincenzo Lavenia

Consegna del Premio Paolo Prodi 2019: giovedì 5 dicembre alla Fondazione Bruno Kessler

E’ Vincenzo Lavenia, docente di Storia moderna all’Università di Bologna e autore dell’opera Dio in uniforme. Cappellani, catechesi cattolica e soldati in età moderna (Bologna, Il Mulino, 2017), il vincitore del “Premio Paolo Prodi” 2019, assegnato dalla Fondazione Bruno Kessler di Trento. Il riconoscimento in memoria di Paolo Prodi, fondatore dell’Istituto Storico Italo-Germanico (FBK-ISIG) e suo primo direttore, verrà conferito giovedì 5 dicembre 2019 alle ore 15 presso la sede FBK di via Santa Croce, 77 a Trento.

Leggi tutto »

01.12.2019

3^ edizione di Vins Extrêmes Bard 2019

Vins extremes 2019

Grande soddisfazione per la buona riuscita della 3^ edizione di Vins Extrêmes,
Bard, 30 novembre e 1° dicembre 2019

Grande soddisfazione per la buona riuscita della prima giornata di Vins Extrêmes, il meglio dei vini eroici d’alta quota, in corso di svolgimento in questo fine settimana (30 novembre e 1° dicembre 2019), a Bard, nella suggestiva cornica del Forte.

Leggi tutto »

01.12.2019

I consumati. Siamo uomini o merci

I consumati_ Siamo uomini o merci

Approda a Teramo, dopo Pisa, Grosseto, Cosenza, Pordenone, Udine, Trieste, Roma, Salerno, Lecce – e prima di Napoli e Milano –, “I consumati in tour”, il ciclo di presentazioni itineranti che gli autori di I consumati. Siamo uomini o merci?

Leggi tutto »

30.11.2019

L’Ateneo dei racconti 2019-2020 si racconta

L'Ateneo dei racconti 2019-2020 si racconta

Conferenza stampa martedì 3 dicembre alle ore 18 presso la Residenza Mayer a Trento
L’Ateneo dei racconti 2019-2020 si racconta
Appuntamento martedì 3 dicembre alle 18 alla Residenza Mayer dell'Opera Universitaria, a Trento, Piazzetta Valeria Solesin, 1 (adiacente a viale Buonarroti), per la presentazione dell’Ateneo dei racconti 2019-2020.

Leggi tutto »

28.11.2019

NATALE NEL CHIOSTRO VII edizione

NATALE NEL CHIOSTRO  VII edizione

AL MUSEO DIOCESANO CARLO MARIA MARTINI DI MILANO
SABATO 30 NOVEMBRE E DOMENICA 1° DICEMBRE 2019 - NATALE NEL CHIOSTRO VII edizione

Torna il tradizionale appuntamento natalizio per raccogliere fondi destinati a finanziare e a sviluppare i progetti culturali e didattici del Museo, con eccellenze enogastronomiche del territorio, prodotti artigianali e momenti culturali per i bambini e le famiglie.
In occasione dell’iniziativa Un Capolavoro per Milano, si terranno visite guidate e laboratori sull’Adorazione dei Magi di Artemisia Gentileschi. 

Leggi tutto »

26.11.2019

PERCORSI ARCOBALENO del maestro CARLO IACOMUCCI

PERCORSI ARCOBALENO del maestro CARLO  IACOMUCCI

“PERCORSI ARCOBALENO” del maestro CARLO  IACOMUCCI

Tre percorsi, tre eventi, a cura della prof.ssa Amneris Ulderigi, che metteranno in luce l'Arte bella di CARLO IACOMUCCI, come incisore e pittore.

-PRIMO EVENTO: L’ARTE CHE SPECCHIA I COLORI DELL’ANIMA

vernissage 7 dicembre 2019 – ore17.30  Spazio Cultura Art Gallery - Via Roma  31/a - RECANATI .   Presentazione di Amneris Ulderigi con la partecipazione delle ”Persone libro- Ass. Cultura e DONNEdiCARTA .

Leggi tutto »

24.11.2019

LE VITE DEGLI ALTRI di Florian Henckel von Donnersmarck

Ezio Mauro

Cinema&Storia - Martedì 26 novembre 
Umberto Gentiloni ed Ezio Mauro presentano LE VITE DEGLI ALTRI di Florian Henckel von Donnersmarck

Una giornata di cinema per raccontare agli studenti di Roma e del Lazio la caduta del muro di Berlino e i suoi risvolti socio-politici attraverso le parole di due testimoni d’eccezione e la proiezione di un film epocale

Leggi tutto »

24.11.2019

Blub è tornato a Candelara

Blub è tornato a Candelara

“Blub” è tornato a Candelara

Nel borgo di Candelara lo attendevano da tempo e Blub non ha deluso i suoi amici di Candelara: nel borgo nuove opere dello street artist fiorentino

Leggi tutto »

22.11.2019

Dal Marché Vert Noël parte il viaggio alla scoperta della Saint-Ours

Marche Vert Noel parte il viaggio alla scoperta della Saint-Ours

Dal Marché Vert Noël parte il viaggio alla scoperta della Saint-Ours

L’Assessorato alle Finanze, Attività produttive e Artigianato rende noto che oggi, venerdì 22 novembre, in occasione dell’apertura del Marché Vert Noël, è stato presentato per la prima volta al pubblico il manifesto della 1020a Foire de Saint-Ours.

Leggi tutto »