Ti trovi in:  Inizio > Visite – Giardini di Castel Trauttmansdorff e Touriseumla

 

VISITE

 

Giardini di Castel Trauttmansdorff e Touriseumla

Si è conclusa  il 15 novembre ai Giardini di Castel Trauttmansdorff e al Touriseumla stagione 2017, e i numeri confermo il successo della struttura. Oltre 415mila visitatori provenienti da più di 50 paesi hanno infatti trascorso quest'anno almeno una giornata ai Giardini di Castel Trauttmansdorff.

 

Trauttmansdorff, chiusa la stagione con 415mila visitatori. Oltre 415mila visitatori da più di 50 paesi hanno visitato nel 2017 i Giardini di Castel Trauttmansdorff

Trauttmansdorff

Superato il muro dei 6 milioni di persone in 16 anni.

Il mese con più visitatori è stato aprile con 71.350 persone, seguito da agosto con 65.700 persone. Con i 9mila visitatori del 2017, inoltre, il mese di novembre ha fatto registrare il dato migliore a partire dall'apertura nel giugno 2001. Tracciando un bilancio di più ampio respiro, emerge che negli ultimi 16 anni i Giardini di Castel Trauttmansdorff sono stati visitati da più di 6 milioni di persone, "muro" abbattuto il 27 settembre scorso.

Una delle attrazioni principali del 2017 è stata la mostra organizzata in occasione del concorso fotografico internazionale dedicato al verde "International Garden Photographer of the Year" di Londra. Su tutta la superficie dei Giardini è stato possibile scoprire i 50 scatti dedicati al verde, provenienti da tutto il mondo e selezionati da una giuria internazionale, comprese le foto vincitrici per la categoria "The Spirit of Trauttmansdorff" che sono state scattate proprio nei Giardini. Il Touriseum invece ha dedicato la sua mostra temporanea “Sui passi, pronti, via!” ai passi alpini, al loro fascino e al loro significato da un punto di vista turistico. La mostra, che è stata allestita in modo tale da ricordare una strada di montagna a curve, con tornanti, dislivelli e punti panoramici, tornerà anche nel 2018, quando il museo provinciale del turismo festeggerà il suo 15esimo compleanno.

Anche nel 2017 il giardino botanico di Merano è stato teatro di numerosi eventi: nel mese di maggio decimo anniversario della giornata delle porte aperte per persone con disabilità con circa 650 partecipanti, poi durante l'estate il World Music Festival con oltre 5.600 spettatori. Di particolare successo, il concerto del cantante pop tedesco Adel Tawil, che ad agosto è riuscito ad attirare quasi 1.900 fan. In ottobre è stato il turno della "Giornata di Sissi" con stazioni interattive  che invitavano a scoprire qualcosa di più sulla vita della principessa e sui suoi soggiorni a Merano e al Castel Trauttmansdorff. Nel mese di novembre, infine, si è tenuto per la prima volta il simposio Naturae&Purae che ha segnato l’inizio del Merano Wine Festival. I Giardini di Castel Trauttmansdorff resteranno chiusi fino al 30 marzo 2018, molte piante stanno andando nella loro meritata ibernazione, mentre Trauttmansdorff si sta preparando per la prossima stagione che sarà all’insegna delle piante più profumate e speziate.

mb

 

 

 

 

 

 

 

Ultimi aggiornamenti:

20.02.2020

Leonardo da Vinci e Guido da Vigevano a Milano

Leonardo da Vinci, Studio anatomico di gambe pietra rossa, penna e inchiostro scuro su carta bianca con preparazione rossa sul recto © Veneranda Biblioteca Ambrosiana / Mondadori Portfolio

L’esposizione pone a confronto i modi di raffigurazione anatomica di due geni del passato, attraverso le riproduzioni del capolavoro di Guido da Vigevano, Anothomia designata per figuras, e di alcuni fogli di Leonardo da Vinci che evidenziano l’evoluzione dei suoi studi sul corpo umano.

Leggi tutto »

19.02.2020

L’ultimo romantico a Mamiano di Traversetolo

Dal 14 marzo al 12 luglio 2020, la Fondazione Magnani-Rocca, col titolo “L’ultimo romantico”, propone un ricchissimo omaggio espositivo al suo Fondatore, e lo fa nella dimora che Luigi Magnani trasformò in una casa-museo sontuosa e sorprendente, la ‘Villa dei Capolavori’ a Mamiano di Traversetolo, nel parmense.

Dal 14 marzo al 12 luglio 2020, la Fondazione Magnani-Rocca, col titolo “L’ultimo romantico”, propone un ricchissimo omaggio espositivo al suo Fondatore, e lo fa nella dimora che Luigi Magnani trasformò in una casa-museo sontuosa e sorprendente, la ‘Villa dei Capolavori’ a Mamiano di Traversetolo, nel parmense.

Leggi tutto »

19.02.2020

Flora dolomitica: 50 fiori da conoscere nel Patrimonio Unesco

Flora dolomitica  50 fiori da conoscere nel Patrimonio Unesco

Le 50 specie floristiche più significative delle Dolomiti, con schede, mappe di distribuzione, curiosità e meravigliose immagini, in una fruttuosa collaborazione tra la Fondazione Dolomiti UNESCO e la Fondazione Museo Civico di Rovereto.

Leggi tutto »

18.02.2020

Presentato il libro di Marcello Filotei L'ultima estate

Presentato il libro di Marcello Filotei "L'ultima estate"

Serata organizzata dalla Fondazione Campana dei Caduti

Presentato il libro di Marcello Filotei "L'ultima estate"
Una serata sul filo dell'emozione quella vissuta ieri presso la Sala degli Specchi di Rovereto.

Leggi tutto »

12.02.2020

Patrizia Laquidara C’è qui qualcosa che ti riguarda

Patrizia Laquidara

Il nuovo live di Patrizia Laquidara, definita dalla critica “un’autrice capace di rinnovare la canzone d’autore” e “una delle voci più intense e liriche della nostra musica cosiddetta leggera”, prende il nome dal suo ultimo album C’è qui qualcosa che ti riguarda, inserito nel maggio 2019 nella cinquina del Premio Tenco come miglior album.

Leggi tutto »

12.02.2020

Martina Galletta in Permette? Alberto Sordi

Martina Galletta

Nell'anno in cui si festeggia un secolo di Federico Fellini, sarà Martina Galletta a dare volto, voce e corpo alla sua amata Giulietta Masina nel film ‘Permette? Alberto Sordi’, coproduzione Rai Fiction – Ocean Productions, di Luca Manfredi con Edoardo Pesce, prossimamente su Rai 1 e al cinema il 24, 25 e 26 febbraio.

Leggi tutto »

10.02.2020

Parole correnti. Vocabolario essenziale contemporaneo

Parole correnti. Vocabolario essenziale contemporaneo

Parole correnti. Vocabolario essenziale contemporaneo 13 febbraio #poliamore a INDUSTRIE FLUVIALI. Il nuovo Ecosistema Cultura di Roma
Giovedì 13 febbraio 2020 ore 18.00-20.00 Industrie Fluviali, Via del Porto Fluviale 35

Leggi tutto »

10.02.2020

ATLANTE DEL GRAN KAN. Autobiografie di una città

L’Atlante del Gran Kan

L’Atlante del Gran Kan è un’occasione attraverso cui il teatro restituisce una comunità a se stessa dopo un lavoro di apertura, di dialogo, di segreti svelati o il dono di un ricordo prezioso che veniva custodito gelosamente nel chiuso del nostro tempio privato.

Leggi tutto »

10.02.2020

Docudì2020 inizio proiezioni dei film in concorso

Docudì2020

Giovedì 13 febbraio terzo appuntamento con Docudì - concorso di cinema documentario, in svolgimento presso il museo d’arte moderna Vittoria Colonna a Pescara.

Leggi tutto »

10.02.2020

Passione e Resurrezione di Cristo nella mostra GAUGUIN, MATISSE, CHAGALL

GAUGUIN, MATISSE, CHAGALL. La Passione nell’arte francese dai Musei Vaticani

Oltre 20 opere di Paul Gauguin, Auguste Rodin, Marc Chagall, Georges Rouault, Henri Matisse e di altri protagonisti dell’arte francese a cavallo tra il XIX e XX secolo, provenienti dalla Collezione di Arte Contemporanea dei Musei Vaticani, ripercorrono i temi della Passione,del Sacrificio e della Speranza.

Leggi tutto »

02.02.2020

Da Donatello a Riccio a Padova

A nostra immagine. Scultura in terracotta del Rinascimento DA DONATELLO A RICCIO

A nostra immagine. Scultura in terracotta del Rinascimento DA DONATELLO A RICCIO
Mostra a cura di Andrea Nante e Carlo Cavalli. 
Secoli, dispersioni, furti, indifferenza, vandalismi hanno quasi completamente distrutto o disperso un patrimonio d’arte unico al mondo: le sculture in terracotta rinascimentali del territorio padovano.

Leggi tutto »

01.02.2020

Serena Corsi, Donne di fiume e d'inchiostro

Serena Corsi, Donne di fiume e d'inchiostro

Marta, che insegna matematica e scrive favole per bambini, scopre che quella mattina la madre Clio è uscita di casa ma non è più rientrata. È scomparsa.
I giorni passano, e mentre le ricerche di Clio continuano, Marta ripercorre il loro mezzo secolo di vita di madre e figlia, in un valzer luminoso e dolente che rende conto dell’incedere della Storia, degli angoli ciechi l’una all’altra ma anche delle altezze vertiginose della loro relazione.

 

Leggi tutto »